La polizia cattura un altro dei responsabili del lancio di esplosivi a Neiva

“Orso” sarebbe il presunto responsabile dell’azione terroristica perpetrata presso una concessionaria di automobili.

La Polizia Metropolitana di Neiva, grazie al materiale probatorio raccolto, è riuscita a catturare con ordinanza un uomo noto come “Oso” per i reati di terrorismo e associazione a delinquere.

Così, gli agenti in uniforme assegnati alla Sezione investigativa criminale SIJIN, in coordinamento con la Procura generale, sono arrivati ​​al villaggio La Chiquita del comune di Gigante – Huila, per eseguire un mandato di cattura in corso contro Alberto detto “L’Orso”, 20 anni.

Quest’uomo, secondo il materiale probatorio raccolto dagli inquirenti, sarebbe il presunto autore dell’azione terroristica, effettuata sotto forma di lancio di esplosivi, il 26 febbraio di quest’anno, contro un esercizio commerciale e un istituto scolastico, situati su La Toma Avenue nella capitale di Huilense.

“Osito” è stato lasciato a disposizione dell’autorità competente, dove un giudice di controllo e di garanzia ha emesso una misura di sicurezza in una struttura penitenziaria.

La Polizia Metropolitana di Neiva, ad oggi, è riuscita a catturare 14 soggetti criminali, collegati al lancio e installazione di ordigni esplosivi improvvisati e alla consegna di opuscoli intimidatori, 10 dei quali su ordine del tribunale e 4 in flagranza di reato, che, avrebbero far parte delle reti di appoggio delle strutture residue dei fronti Ismael Ruiz e Darío Gutiérrez dello Stato Maggiore Centrale delle FARC.

In questo senso, il colonnello Alexander Castillo Marín, comandante della Polizia Metropolitana di Neiva, indica: “Continueremo a coordinare tutte le nostre capacità tecniche e umane con la Procura Generale, l’Esercito Nazionale e le autorità politico-amministrative, con lo scopo di continuando a garantire la sicurezza e la convivenza della popolazione di Huila.”

Allo stesso modo, invita i cittadini e le associazioni dei commercianti a continuare a denunciare i casi di estorsione, con l’obiettivo di rafforzare e far avanzare in modo soddisfacente le indagini condotte su questa piaga.

#Colombia

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Chiudono un ufficio Migrazione per “rendere le risorse più efficaci”
NEXT Cresce il conflitto tra insegnanti e governo di Río Negro: ratificano un nuovo sciopero