La Guajira continua ad essere inondata di carburanti di contrabbando

Finché il carburante venezuelano di contrabbando che arriva a La Guajira sarà più economico, molti guajiros lo acquisteranno e questo ha il vantaggio che l’utente osserva ciò che compra.

Più il carburante nazionale continua a salire, più diventa interessante che entri di contrabbando attraverso le diverse piste che collegano la colombiana La Guajira con quella venezuelana.

Il contrabbando che entra dal Rappresenta la Repubblica Bolivariana del Venezuela un obiettivo fondamentale di primo livello per lo Stato colombiano, perché questa attività commerciale rappresenta uno dei pilastri fondamentali per l’economia di sussistenza del comune cittadino, ma serve anche per la costituzione di gruppi armati o bande criminali che si trovano sulla linea di frontiera .

Il carburante entra nel dipartimento di La Guajira principalmente attraverso tre comuni: Uribia, Maicao e Albania; che confina con il Venezuela, e il cui territorio è pianeggiante, il che permette di realizzare facilmente strade per il passaggio dei veicoli e che secondo lo Stato colombiano diventano 80 sentieri.

Una volta raggiunti i centri abitati, in un certo senso, il gonfiabile viene legalizzato; perché molto raramente le autorità effettuano operazioni di confisca; Perché non hanno nemmeno buone esperienze, perché diventa un problema sociale provare a confiscargliele.

Regolarmente nel primo 25 giorni di ogni mese in alcune stazioni di servizio di Riohacha è disponibile carburante agevolato, che ha un costo di 14mila 100 pesos, ma le file di automobili diventano infinite in attesa di essere rifornite sia di benzina che di ACPM; quando ha un prezzo normale costa 16mila 100 pesos e il venezuelano acquista al di sotto del valore di quello colombiano agevolato.

Potrebbe interessarti anche: Nonostante i controlli sulle strade del Dipartimento, ‘la veneca’ arriva a Riohacha

Quasi quotidianamente i diversi media ricevono informazioni sia dall’Esercito che dalla Polizia che riportano di alcuni sequestri di carburante nei luoghi di raccolta o nelle diverse arterie di cui dispone il Dipartimento.

In questa occasione il sequestro è stato effettuato da unità militari del gruppo cavalleria corazzata media Gustavo Matamoros D’Costaassegnato alla Decima Brigata Corazzata dell’Esercito Nazionale, 144 contenitori in plastica, capacità 18 galloniin cui sono stati rinvenuti circa 2.500 litri di benzina.

Questa confisca è stata ottenuta sulla base delle informazioni fornite dalla comunità, individuando due centri di raccolta di carburante di contrabbando, situati nel settore comunitario di Il limonein una zona rurale del comune di Maicao.

Questo carburante di origine estera ha un costo sul mercato di COP$ 27 milioni 285mila 984 pesos. Il gonfiabile confiscato va alla Direzione nazionale delle imposte di Dian, sotto il controllo della Polizia fiscale doganale, viene depositato in una stazione di servizio e viene consumato nei veicoli della forza pubblica.

Solo, finora nel 2024, il gruppo di cavalleria corazzata media Gustavo Matamoros D’Costa ha sequestrati 7.347 galloni di carburante tipo benzina e 2.320 galloni di tipo ACPM. Ciò significa che, finché il carburante venezuelano di contrabbando che arriva a La Guajira sarà più economico, molti guajiros lo acquisteranno e questo ha il vantaggio che, L’utente osserva ciò che acquista.

066d44959b.jpgLa-Guajira-continua-ad-essere-inondata-d
 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il governo Kicillof ha proposto di aumentare nuovamente i pedaggi a Buenos Aires: quanto costerebbero?
NEXT Il lungo weekend arriva con una nuova estate