Le autorità DEPJA e il servizio penitenziario DGE hanno avviato i tavoli di cogestione – mendoza.edu.ar

Le autorità DEPJA e il servizio penitenziario DGE hanno avviato i tavoli di cogestione – mendoza.edu.ar
Le autorità DEPJA e il servizio penitenziario DGE hanno avviato i tavoli di cogestione – mendoza.edu.ar

L’incontro tra il servizio penitenziario e il coordinamento dell’Educazione ai Contesti di Deprivazione della Libertà ha avuto l’obiettivo di affrontare diverse questioni per avanzare congiuntamente e stabilire nuovi criteri di funzionamento dei Centri Scolastici che vi operano e concordare le linee di azione l’anno scolastico 2024.

In questa occasione si è tenuto il tavolo di cogestione per il primo semestre del 2024, come previsto nell’allegato III del RESOL-2023-1-E-GDEMZA-DEPJA#DGE, al quale era presente il direttore della modalità, Erico Arie; la coordinatrice del Contesto di Privazione della Libertà, Carolina González; la Coordinatrice del Trattamento del Servizio Penitenziario di Mendoza, Sara Sanguedolce, con la partecipazione dei direttori, vicedirettori, responsabile del Trattamento e responsabile dell’Istruzione di dodici complessi e unità penali, nonché coordinatori, supervisori e direttori del Centro di Educazione di Base per la Gioventù e Adulti (CEBJA), Centro di Istruzione Secondaria (CENS) e Centro di Formazione al Lavoro (CCT) che operano nei diversi centri penitenziari.

Carolina González ha affermato che “il Coordinamento lavora con responsabilità, impegno, empatia e risoluzione dei conflitti, dove l’intero gruppo di lavoro ha l’obiettivo fondamentale che gli studenti imparino sviluppando le loro capacità e abbiano una nuova opportunità. Tutto ciò si ottiene arbitrando i mezzi e il modo in cui tutto funziona. Per questo abbiamo professionisti che amano il proprio lavoro”, ha concluso González.

Nel frattempo, Sara Sanguedolce, Coordinatrice del Trattamento del Servizio Penitenziario di Mendoza, ha affermato che “i tavoli di cogestione sono incontri di lavoro cooperativo tra le Istituzioni Educative e il Servizio Penitenziario, con l’obiettivo di affrontare diversi temi per avanzare congiuntamente e stabilire criteri per il funzionamento dei centri scolastici che vi operano”, ha affermato.

“Si realizzano in ogni istituto penitenziario, uno per semestre, a cui partecipano le rispettive autorità che lavorano nei diversi centri penitenziari e i coordinatori del Programma di Educazione Universitaria in Contesto di Reclusione dipendente dall’Università Nazionale di Cuyo in quegli istituti partecipare dove viene fornita una formazione di livello universitario”.

“Inoltre, in questi incontri vengono discussi gli argomenti proposti da ciascuna delle parti; questioni che hanno a che fare con le dinamiche educative quotidiane, le iscrizioni, la documentazione, il materiale didattico, la sicurezza del personale docente e tutte quelle modifiche che vengono valutate necessarie per ottimizzare l’erogazione delle lezioni e la promozione educativa”.

Ha infine sottolineato che “nel corso degli anni abbiamo potuto constatare che i tavoli di cogestione sono diventati un prezioso strumento di lavoro armonico e insieme si sono risolti diversi problemi, superando difficoltà e raggiungendo accordi volti a garantire il diritto alla l’istruzione in un contesto complesso come quello della reclusione”, ha concluso il funzionario.

L’educazione nel contesto della privazione della libertà

È la modalità pensata per garantire il diritto all’istruzione a tutte le persone private della libertà per favorirne una formazione integrale e il pieno sviluppo all’interno dei diversi complessi e unità penali della provincia. In questo modo, come nell’ambiente libero, questo programma nel suo insieme tra le due istituzioni funziona e si articola affinché le persone private della libertà abbiano la possibilità di completare i loro studi a diversi livelli educativi.

Fonte: DGE Press


 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Sequestrano cellulari e marijuana di contrabbando destinati a La Rioja
NEXT Vuelta a Colombia 2024: CLASSIFICA GENERALE dopo il prologo