Il 17 giugno il governatore Sáenz propone un “Patto Güemes”.

Il 17 giugno il governatore Sáenz propone un “Patto Güemes”.
Il 17 giugno il governatore Sáenz propone un “Patto Güemes”.

Senza il Patto di maggio a livello nazionale, il governatore di Salta, Gustavo Sáenz, ha sostenuto che si può fare quando è necessario, ma dove siamo tutti d’accordo e non è solo una foto. In questo senso, ha ricordato il suo appello all’unità provinciale fatto 2 anni fa e ha invitato ancora una volta i saltani a celebrare il “Patto del 17 giugno”, ai piedi del generale Martín Miguel de Güemes, in suo onore. “Lo propongo, chiederò un grande patto il 17 giugno in omaggio al nostro amato generale Güemes e ai gauchos che hanno lasciato la loro vita per l’indipendenza, per la sovranità e per un paese più giusto. L’idea è di renderlo molto più grande di quello che abbiamo firmato 2 anni fa”, ha ricordato in un dialogo con i media locali, affermando che “ha invitato tutti coloro che vogliono difendere gli interessi del popolo di Salta ad accompagnarlo su questioni per le quali dobbiamo lottare tutti.” insieme per ciò che ci appartiene, vi chiedo di accompagnare questo Governatore sui temi per i quali dobbiamo difendere e lottare per ciò che ci appartiene.
Questo nuovo patto cercherà innanzitutto di difendere il federalismo, e in secondo luogo di difendere tutto ciò che la Costituzione e le leggi tutelano affinché venga sostituito tutto ciò che il Governo Nazionale ci ha tolto. “Credo che lì, spogliato di ogni interesse politico, spogliato di ogni bandiera politica, spogliato degli egoismi, delle meschinità e di tutto ciò che purtroppo ha fatto tanti danni all’Argentina e al sistema politico argentino, nessun politico, leader sindacale, leader sociale e religioso potrebbe non essere d’accordo con la continua negazione dei fondi per opere pubbliche, per la produzione, per migliorare la matrice produttiva di Salta, per ripristinare il fondo di compensazione per i trasporti, l’incentivo all’insegnamento, e opere come l’aeroporto”, l’ospedale San Bernardo, la Magistratura City, il terminal di Güemes, l’impianto di trattamento di Cafayate e un numero impressionante di questioni prioritarie.”
Ha detto: “lotteremo, lotteremo e il 17 giugno chiederò un grande patto Güemes al quale chiederò con totale umiltà a tutta la direzione politica, a tutti i deputati, ai opposizione, da parte del partito al potere, ai senatori e ai deputati nazionali per trovare un accordo su questi temi.

Senza il Patto di maggio a livello nazionale, il governatore di Salta, Gustavo Sáenz, ha sostenuto che si può fare quando è necessario, ma dove siamo tutti d’accordo e non è solo una foto. In questo senso, ha ricordato il suo appello all’unità provinciale fatto 2 anni fa e ha invitato ancora una volta i saltani a celebrare il “Patto del 17 giugno”, ai piedi del generale Martín Miguel de Güemes, in suo onore. “Lo propongo, chiederò un grande patto il 17 giugno in omaggio al nostro amato generale Güemes e ai gauchos che hanno lasciato la loro vita per l’indipendenza, per la sovranità e per un paese più giusto. L’idea è di renderlo molto più grande di quello che abbiamo firmato 2 anni fa”, ha ricordato in un dialogo con i media locali, affermando che “ha invitato tutti coloro che vogliono difendere gli interessi del popolo di Salta ad accompagnarlo su questioni per le quali dobbiamo lottare tutti.” insieme per ciò che ci appartiene, vi chiedo di accompagnare questo Governatore sui temi per i quali dobbiamo difendere e lottare per ciò che ci appartiene.
Questo nuovo patto cercherà innanzitutto di difendere il federalismo, e in secondo luogo di difendere tutto ciò che la Costituzione e le leggi tutelano affinché venga sostituito tutto ciò che il Governo Nazionale ci ha tolto. “Credo che lì, spogliato di ogni interesse politico, spogliato di ogni bandiera politica, spogliato degli egoismi, delle meschinità e di tutto ciò che purtroppo ha fatto tanti danni all’Argentina e al sistema politico argentino, nessun politico, leader sindacale, leader sociale e religioso potrebbe non essere d’accordo con la continua negazione dei fondi per opere pubbliche, per la produzione, per migliorare la matrice produttiva di Salta, per ripristinare il fondo di compensazione per i trasporti, l’incentivo all’insegnamento, e opere come l’aeroporto”, l’ospedale San Bernardo, la Magistratura City, il terminal di Güemes, l’impianto di trattamento di Cafayate e un numero impressionante di questioni prioritarie.”
Ha detto: “lotteremo, lotteremo e il 17 giugno chiederò un grande patto Güemes al quale chiederò con totale umiltà a tutta la direzione politica, a tutti i deputati, ai opposizione, da parte del partito al potere, ai senatori e ai deputati nazionali per trovare un accordo su questi temi.

#Argentina

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV L’UNESCO sostiene un’iniziativa a Cuba a beneficio di 24 registi caraibici
NEXT Video | Un cagnolino si è sdraiato per dormire in un negozio di materassi a Neuquén e ha fatto tenerezza tra i clienti