L’Unità delle vittime ha consegnato un risarcimento di 3,4 miliardi a Magdalena

L’Unità delle vittime ha consegnato un risarcimento di 3,4 miliardi a Magdalena
L’Unità delle vittime ha consegnato un risarcimento di 3,4 miliardi a Magdalena

Il 17 e 20 maggio scorsi, l’Unità delle Vittime ha consegnato 3,4 miliardi di risarcimenti a 480 vittime di Santa Marta, Sitionuevo, Sabanas de San Ángel e Cerro de San Antonio presso le strutture del Centro Regionale di Attenzione alle Vittime di Santa Marta.

Le due giornate si sono svolte dalle 7 del mattino alle 12, durante le quali le vittime e i loro accompagnatori hanno ricevuto colloqui sull’uso appropriato delle risorse, sull’accesso alle cure psicosociali, sulla registrazione dei giovani per l’accesso al libretto militare, sui percorsi di rafforzamento iniziative e accesso ai benefici con tutti gli enti che fanno parte del Sistema Nazionale di Attenzione e Risarcimento per le Vittime – SNARIV.

Inoltre, è stato sottolineato che ricevere il risarcimento non li esclude dal Registro Unico delle Vittime.

“Sappiamo che da molti anni aspettate che vi venga data questa misura di risarcimento, quindi innanzitutto vi presento questa richiesta di perdono per tutta l’angoscia che avete dovuto provare in questi anni; e perché tutto questo ritardo è un’altra forma di rivittimizzazione. Non vogliamo che restino con l’idea di ricevere una lettera di assegno, ma piuttosto stiamo procedendo con questo nuovo governo in una dinamica che favorisce un’autentica riparazione globale”, ha affermato il direttore territoriale Audes Jiménez González, delle Vittime di Magdalena. Unità.

Queste 480 vittime costituiscono il primo gruppo di parti del mese in corso; L’entità ha pianificato e dato priorità ad altri gruppi di vittime da risarcire nei municipi di Plato, Chibolo, Ariguani, Aracataca, Pivijay e Zona Bananera, con una proiezione di investimenti di oltre 7 miliardi di pesos entro la fine del mese.


#Colombia

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Ecco come appare l’interno della USS George Washington, una delle più grandi portaerei nucleari del mondo