L’ANLA conferisce a Cesar il potere di controllare i progetti minerari

L’ANLA conferisce a Cesar il potere di controllare i progetti minerari
L’ANLA conferisce a Cesar il potere di controllare i progetti minerari

Per la prima volta nella sua storia, da quando è stato previsto nella Costituzione del 1991, il dipartimento del Cesar potrà monitorare e controllare i progetti di esplorazione e sfruttamento minerario che si sviluppano, attraverso la concessione di licenze ambientali, in questo territorio.

L’Autorità Nazionale per la Licenza Ambientale, ANLA, ha appena riconosciuto, con Auto 003076 del 14 maggio 2024, il Dipartimento di Cesar come soggetto terzo che interviene in questi processi, il che gli consente di conoscere direttamente ciascuno dei 59 progetti di esplorazione e sfruttamento minerario risorse che sono attualmente in fase di sviluppo in questa parte del paese.

La decisione viene definita trascendentale, poiché segna un percorso verso la cura delle risorse naturali e la difesa dei diritti delle comunità. “Il dipartimento non aveva precedenti di riconoscimento come terzo interveniente, si tratta di una figura giuridica che nasce con l’Assemblea Costituente del ’91, all’articolo 79, che consente ai dipartimenti, ai comuni e alla comunità in generale di partecipare al controllo e il monitoraggio dei progetti realizzati nelle loro giurisdizioni”, ha affermato il governatore Elvia Milena Sanjuan.

In questo modo Cesar diventa garante in materia ambientale e sociale, disponendo degli strumenti giuridici attraverso i quali può conoscere i processi e avere i poteri legali per intervenire e influenzare le decisioni.

“Questo riconoscimento è importante perché ci permette di conoscere i progetti e le licenze concesse per monitorarli, di sapere quali aziende operano sul territorio; ed è a questo che serve il Governo di Cesar, ad aiutare il Ministero a monitorare, a stare attento e a proteggere le nostre risorse, procederemo al risarcimento, oggi abbiamo i poteri legali”, ha sottolineato il presidente.

Sottolinea inoltre che, in qualità di terzo, il Ministero dell’Ambiente, delegato per queste materie, ha accesso ad una piattaforma vitale per scaricare i documenti e l’inventario di tutti i processi, che costituisce un importante database per sapere quante licenze in materia ambientale ciascun comune ne dispone e fornisce feedback ai sindaci per un maggiore controllo e monitoraggio di tali progetti.


Visualizzazioni dei post: 6

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il padre di Julio César de la Rosa lamenta che il venezuelano abbia investito suo figlio mentre dormiva in un hotel di lusso
NEXT Ecco come appare l’interno della USS George Washington, una delle più grandi portaerei nucleari del mondo