È nato nella città di Rivadavia, a Salta, si è laureato in medicina a La Rioja e ha deciso di tornare per aiutare la sua gente

È nato nella città di Rivadavia, a Salta, si è laureato in medicina a La Rioja e ha deciso di tornare per aiutare la sua gente
È nato nella città di Rivadavia, a Salta, si è laureato in medicina a La Rioja e ha deciso di tornare per aiutare la sua gente

La sua motivazione a studiare medicina era personale: voleva poter aiutare sua nonna e la sua comunità, che spesso non aveva accesso a cure mediche adeguate.

18:45| Martedì 21 maggio 2024 | La Rioja,Argentina | Multipiattaforma Fenix

Un esempio! Laureato all’Università Nazionale di La Rioja, Nelsón Gómez Medina ha sempre avuto un obiettivo chiaro: tornare a Salta, suo luogo d’origine. Cresciuto a Rivadavia de Banda Sur, 300 chilometri a nord e al confine con Chaco e Formosa, il suo desiderio era fornire soluzioni sanitarie alla sua città natale.

“Vuoi sempre tornare nel luogo in cui sei nato”

La sua motivazione a studiare medicina era personale: voleva poter aiutare sua nonna e la sua comunità, che spesso non aveva accesso a cure mediche adeguate. “Avevo sempre in mente di andare a studiare perché il mio obiettivo principale era riuscire a curare mia nonna, ho visto che lì fuori stava male, è andata all’ospedale e non c’era nessun medico e mancava la gente nella parte sanitaria”, ha spiegato.

Nonostante le opportunità di perseguire specializzazioni in altre province, decise di dare priorità ai bisogni della sua gente e di iniziare la sua carriera di medico a Rivadavia. «Quando finisci di studiare ti si aprono tante porte per fare specialità, per andare in altre province. Ma ecco, nel mio caso ho deciso di andare in città per realizzare il mio sogno, ovvero prendermi cura di mia nonna, garantire la salute ai miei parenti.

Il sostegno della moglie, dei figli, della famiglia e del gruppo di studio è stato fondamentale nel suo percorso verso la medicina. Attraverso il suo esempio, cerca di motivare altri medici a prendere in considerazione l’idea di lavorare all’interno e di portare assistenza medica alle comunità remote che ne hanno così tanto bisogno.

“Fornire soluzioni sanitarie alle persone è il mio obiettivo principale”

Il suo messaggio agli studenti di medicina interna è chiaro: il servizio alle imprese e alla comunità è più gratificante del compenso finanziario. «Spero che tanti altri professionisti siano incoraggiati perché la verità è che riempirsi il cuore con il nome dell’azienda è la cosa più bella, è ciò che ti soddisfa più della parte economica», ha concluso.



#Argentina

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Javier Milei ha convocato i governatori ad un incontro a Casa Rosada
NEXT Primo allenamento della squadra ad Atlanta, con le idee chiare di Scaloni per l’esordio