Roberto Payán (San José), Nariño, ha registrato un terremoto di magnitudo 3,9 lo scorso 22 maggio

Roberto Payán (San José), Nariño, ha registrato un terremoto di magnitudo 3,9 lo scorso 22 maggio
Roberto Payán (San José), Nariño, ha registrato un terremoto di magnitudo 3,9 lo scorso 22 maggio

È importante essere preparati per qualsiasi emergenza come un grande terremoto. (Infobae/Jovani Pérez)

Lui Servizio Geologico Colombiano (SGC) riportato un tremante di magnitudo 3,9 questo 22 maggio, originatosi nel comune di Roberto Payán (San José)nel dipartimento di Nariño.

Secondo il rapporto della SGC, il terremoto è iniziato alle 03:44 (ora locale) e ha avuto una profondità di 0 chilometri, con una latitudine di 2.160833333 e una longitudine di -78.50183333.

In Colombia il intensità del terremoto Si misura con la Scala Macrosismica Europea (EMS-98), che parte dall’intensità 2, descritta come “a malapena significato” da pochissime persone a riposo; il livello 3 è classificato come “leggermente sentito”dove potrebbero verificarsi oscillazioni di alcuni oggetti.

Un terremoto è considerato di intensità 4 quando lo è “ampiamente sentito” da molte persone all’interno degli edifici e da poche all’esterno. Finestre, porte e piastre vibrano. Al livello 5, “fortemente sentito”piccoli oggetti si muovono, si verifica un’oscillazione di porte o finestre e si possono registrare leggere crepe negli edifici o nelle case.

L’intensità di tipo 6 implica a “lievi danni”, in questo intervallo alcune persone possono perdere l’equilibrio; Alcuni oggetti cadono e molti edifici presentano lievi danni. Il livello 7 si verifica quando c’è a “danno moderato”Cioè, i mobili pesanti possono spostarsi e molti edifici presentano crepe e i rivestimenti potrebbero cadere dalle pareti.

Infine, a intensità superiori a 7, a “gravi danni”: In questo tipo di terremoto molte persone hanno difficoltà a stare in piedi; cadono oggetti pesanti; e le strutture vecchie e deboli possono crollare.

In questa regione si verifica circa l’80% dei terremoti più forti del mondo. (Informazioni)

La Colombia è considerata un paese di alto rischio sismico perché si trova nel Anello di fuoco del Pacificouna regione che concentra il 75% dei vulcani esistenti nel mondo e dove si verifica circa l’80% dei vulcani. scosse più forti al mondo.

Chiamato anche Anello di Fuoco del Pacifico, è costituito dall’area montuosa dell’Argentina occidentale, Cile, Perù, Ecuador, Colombia, Panama, Costa Rica, Nicaragua, El Salvador, Honduras, Guatemala, Messico, Stati Uniti e Canada, per poi girare intorno alle Isole Aleutine e scendere lungo le coste e le isole di Russia, Giappone, Taiwan, Filippine, Indonesia, Malesia, Timor Est, Brunei, Singapore, Papua Nuova Guinea, Isole Salomone, Tonga, Tuvalu e Nuova Zelanda .

Nel caso specifico della Colombia, il Paese si trova in due importanti aree di subduzione, poiché da un lato ha il Piatto di Nazca con il sudamericano e quest’ultimo che si scontra anche con il Piatto caraibicoche lo fa tremare costantemente.

Considerata questa situazione, i dipartimenti di Nariño, Chocó, Caldas e Santander sono i luoghi dove trema di più; In quest’ultimo si trova il comune di Los Santos, che è il secondo zona più sismica del mondo.

Ecuador-Colombia del 1868

Due scosse furono registrate nella zona di confine tra Ecuador e Colombia il 15 e 16 agosto 1868, di magnitudo 6,3 e 6,7, quest’ultima essendo la più mortale con una durata di quasi un minuto di movimento.

Il primo di essi è stato registrato nelle località di El Ángel e La Concepción; mentre il secondo terremoto ha lasciato la città ecuadoriana di Ibarra completamente devastata. Si ritiene che questo movimento abbia causato circa 70mila vittime, contando morti e feriti in entrambi i Paesi.

Terremoto di Cúcuta del 1875

Conosciuto anche come terremoto delle Ande, questo terremoto ebbe origine il 18 maggio 1875 e ebbe una magnitudo compresa tra 7,5 e 8,5 a Cúcuta, sebbene causò danni anche nel vicino stato venezuelano di Táchira.

Anche se alcuni sostengono che il numero delle vittime di questo terremoto abbia raggiunto le 3.000, almeno nella zona colpita della Colombia sono stati ritrovati solo 461 corpi. Da questo terremoto sgorgarono sorgenti termali anche dai siti oggi conosciuti come “Agua Hedionda”, “El Tampaco” e “Aguas Calientes”.

Cosa fare in caso di terremoto? (EFE/Bagus Indahono)

Terremoto e tsunami del 1906

Un terremoto di magnitudo 8,8 ha colpito il 31 gennaio la provincia di Esmeralda in Ecuador, al confine con la Colombia. Questo movimento generò uno tsunami che provocò 1.500 morti. Secondo le informazioni della SGC, le onde hanno raggiunto i cinque metri di altezza e hanno lasciato sott’acqua la regione colombiana di Tumaco.

Terremoto di Páez del 1994

Il terremoto ha avuto origine ai piedi delle Ande centrali di Cauca, nel sud-ovest della Colombia, il 6 giugno 1994. Ha avuto una magnitudo di 6,4 e ha provocato la morte di circa 800 persone, principalmente residenti degli insediamenti vicino al fiume Páez. Questo è considerato il secondo più mortale nella storia del paese.

Asse Caffè del 1999

Considerato il peggior terremoto della storia recente del paese, questo terremoto ha colpito i dipartimenti di Quindío e Risaralda in Colombia, provocando la morte di oltre mille persone.

Il terremoto si è verificato il 25 gennaio 1999 con una magnitudo di 6,2. Diversi ospedali sono stati colpiti e le risorse per far fronte all’emergenza erano limitate. Il terremoto ha provocato quattromila feriti e quasi 500 dispersi.

Circa ottomila piantagioni di caffè furono completamente o parzialmente distrutte e furono colpite 13mila strutture di diverse tipologie di aziende e industrie.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Bancando Los Tratos: un’iniziativa per trasformare la cultura sportiva attraverso il buon trattamento
NEXT Il raid a San José Pinula porta alla cattura di un sospettato di estorsione