Catturano “El Diablo”, la forza trainante dell’omicidio di Villavicencio

Catturano “El Diablo”, la forza trainante dell’omicidio di Villavicencio
Catturano “El Diablo”, la forza trainante dell’omicidio di Villavicencio

Attraverso l’operazione “San Miguel”, la Polizia, in coordinamento con la Procura Generale, ha catturato Norvey Olivares Rojas, alias “El Diablo”, leader della banda criminale “Guatiquía”, che utilizzava ragazzi, ragazze, adolescenti e residenti di strada per traffico di droga, omicidi selettivi e “goccia a goccia” in sette zone della capitale di Meta.

Potrebbe interessarti: Due feriti dopo attentati con esplosivi a El Castillo, Meta

Il colonnello Juan Carlos Valderrama Angarita, comandante della regione di polizia numero 7, ha fornito i dettagli della cattura di questo criminale.

“La Polizia, in coordinamento con la Procura Generale, ha sviluppato con successo l’operazione ‘San Miguel’, che ha permesso lo smantellamento del gruppo criminale organizzato comune ‘Guatiquía’ e la cattura del suo massimo leader, alias ‘El Diablo'”, ha spiegato il colonnello Juan Carlos Valderrama Angarita.

Allo stesso modo, l’ufficiale lo ha confermato alias “El Diablo” commetteva crimini in questa parte del paese da più di 25 anni ed era la forza trainante dell’omicidio e del traffico di droga locale a Villavicencio.

Questa banda operava in sette zone della capitale Meta e nei comuni di Acacías, Cumaral e Puerto Gaitán. Le azioni criminali di questa banda hanno raggiunto anche il comune di Yopal, Casanare.

Durante l’operazione “San Miguel” sono stati catturati anche sette membri della banda “Guatiquía”, considerati gli uomini di fiducia sotto lo pseudonimo di “El Diablo”.

Leggi anche: Le comunità di Bojayá, Chocó sono confinate a causa delle azioni di gruppi illegali

Queste persone sono state identificate come “Camilo Molina”, “Álex” e “Pipeta”, che erano membri della rete di sicari e capi di zona di questa temuta banda. Sono stati catturati per i reati di omicidio, traffico, fabbricazione e porto di armi da fuoco e furto.

Hanno catturato anche Labrián Blandón Aguirre, Yésica Antonela Gonzaléz, Camilo Andrade Artunduaga e Yorman Martínez Rodríguez, che erano destinatari di oggetti rubati.

Attraverso tale operazione è stata effettuata anche l’occupazione, ai fini della confisca della proprietà, di 11 beni immobili, per un valore di oltre 10 miliardi di pesos. Tali beni comprendono appartamenti, case di campagna, veicoli e depositi di rottami.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Babasónico incarna ancora una volta il rischio della novità | La band guidata da Adrián Dárgelos si è esibita alla Movistar Arena
NEXT Il NUOVO tema della Nazionale argentina che i giocatori hanno cantato prima della Copa América 2024