Il Nicaragua ribadisce il rifiuto del blocco degli Stati Uniti contro Cuba

Il Nicaragua ribadisce il rifiuto del blocco degli Stati Uniti contro Cuba
Il Nicaragua ribadisce il rifiuto del blocco degli Stati Uniti contro Cuba

Il Nicaragua rinnova la sua ferma condanna del blocco degli Stati Uniti contro Cuba e chiede la sua esclusione dalla lista infame degli Stati che sponsorizzano il terrorismo, si legge in una nota del Ministero degli Esteri cubano pubblicata sulle reti X (ex Twitter) e Facebook.

Così ha reagito alla dichiarazione rilasciata mercoledì scorso dal Ministero delle Relazioni Estere del Nicaragua e trascritta nel sito web dell’istituzione controparte cubana.

Il proclama condanna la politica aggressiva dei governi nordamericani contro Cuba “da più di 60 anni” e “l’inclusione di paesi in liste unilaterali con falsi pretesti, contrari al Diritto Internazionale e alla Carta delle Nazioni Unite”.

Si sottolinea inoltre che l’inclusione della “repubblica sorella di Cuba” in queste liste “giustifica l’adozione di misure illegali e coercitive per esercitare pressioni economiche e politiche, in chiara violazione della sovranità dello Stato cubano”.

“Il Nicaragua difende e continuerà sempre a difendere la sovranità e l’autodeterminazione dei popoli, il rispetto del diritto internazionale e la capacità dei popoli di costruire il proprio cammino senza aggressioni esterne”, si legge nel testo ufficiale.

Aggiunge inoltre che “il Nicaragua, Sovrano, Beato e Sempre Libero, parla apertamente e reclama l’esclusione di Cuba dalla famigerata Lista degli Stati sponsor del terrorismo”.

E annuncia anche che “continuerà a promuovere in tutti gli spazi internazionali il rispetto e l’attuazione delle risoluzioni delle Nazioni Unite che impongono la fine della politica illegale di aggressione contro la Repubblica sorella di Cuba”.

npg/raj

#Cuba

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Per la fondazione di San Juan, collocarono un segno corporeo in Plaza 25 de Mayo
NEXT Come fai a sapere se hai diritto a un doppio pagamento? Te lo diciamo