Almeno 10 morti nei combattimenti tra Clan del Golfo, ELN e dissidenti nel nord-est di Antioquia

Almeno 10 morti nei combattimenti tra Clan del Golfo, ELN e dissidenti nel nord-est di Antioquia
Almeno 10 morti nei combattimenti tra Clan del Golfo, ELN e dissidenti nel nord-est di Antioquia

09:26

Lui rischio di una crisi umanitaria causato dall’escalation del conflitto armato nel nord-est di Antioquia, ha motivato una commissione del Dipartimento, guidata dal governatore Andrés Julián Rendón, a recarsi nella zona questo giovedì.

Per ora le informazioni sono confuse e non sono state confermate, poiché nessuna autorità ha avuto accesso alla zona degli eventi, ma rapporti provenienti dalla comunità affermano che questo mercoledì sarebbero morte tra le 10 e le 19 persone nella zona rurale di Remedios, comune dove arriverà la delegazione ufficiale.

Oscar Yesid Zapata, ricercatore della Fondazione Sumapaz, che lavora per la difesa dei diritti umani, ha detto a EL COLOMBIANO che gli abitanti del quartiere Plaza Nueva, situato a distanza di quattro-cinque ore dal centro urbano di Remedioslo hanno informato degli scontri avvenuti nelle sue vicinanze tra membri della Clan del Golfo e gruppo nato dall’alleanza dei dissidenti delle FARC e dell’ELN.

Ti consigliamo di leggere: Le comunità furono lasciate nel mezzo degli scontri tra il Clan del Golfo e Pachenca nella Sierra Nevada

IL Gli scontri, pare, sarebbero avvenuti mercoledì mattina, dopo un’operazione a sorpresa contro le sottostrutture del Clan che opera lì, ed è durato diversi minuti con il risultato sopra indicato. I morti sarebbero membri del Gulf Clan.

“Ogni vita è sacra, ma la nostra più grande preoccupazione è che questi combattimenti generalmente avvengano interposizione della popolazione civilel, essendo una violazione del diritto internazionale umanitario, perché in qualsiasi momento la vita di persone che non hanno nulla a che fare con queste controversie può essere compromessa”, ha affermato Zapata.

Leggi anche: “Il commercio di esseri umani non ha alcuna giustificazione”: il governo dopo l’annuncio dell’ELN di nuovi sequestri

Tuttavia, ha ricordato che la presenza di uomini armati non è una novità, anzi è diventata qualcosa di ricorrente nel corso degli anni. In particolare, secondo il difensore dei diritti umani, Dopo gli accordi di Pace con le FARC, nel 2016, nasce il Clan del Golfo, denominato anche Esercito Gaitanista della Colombia (EGC) si è impegnata in un piano di espansione nel nord-est, un’area dove l’ELN è stata egemonica per decenni.

Inoltre, e per difendere le proprie posizioni, c’era anche a alleanza dell’Eln con i dissidenti del 4° fronte e del 36° fronte che a livello generale comanda alias Ivan Mordisco.

Potrebbe interessarti anche: Il confinamento dovuto al conflitto armato ad Antioquia è cresciuto di oltre il 1.000%

Principalmente, la controversia riguarda il ricchezze auree in questa zona, che è una delle più produttive di questo metallo prezioso nel paese, così come da parte del dominio di un corridoio di mobilità per attività di traffico di droga e di armi tra Antioquia e il sud di Bolívar.

Ciò ha portato tutti i fattori del potere armato a cercare di dominarlo con il sangue e il fuoco, motivo per cui ce ne sono stati combattimenti, spostamenti forzati, confinamenti e tutti i tipi di effetti sulle comunità di Segovia e Remedios, con le aree rurali le più colpite.

Si legge: Perché i dissidenti delle FARC di Cauca e Valle hanno così tanto potere criminale?

Questa situazione era già stata allertata e non capiamo “Come finora non c’è stata una risposta tempestiva ed efficace da parte delle autorità per controllare la sicurezza in questo territorio”, si è lamentato Zapata riferendosi alle denunce che si sono verificate a questo riguardo dal 2018 e all’allarme tempestivo da lui emesso dall’Ufficio del Difensore civico.

Di fronte agli ultimi avvenimenti e alla necessità di rimuovere i corpi, il le comunità circostanti hanno chiesto che venga inclusa una commissione umanitaria e intraprendere le azioni appropriate. Si teme che si verifichino massicci spostamenti di popolazione.

Allo stesso modo si può vedere: La violenza non diminuisce nel Nordest: il Clan del Golfo avrebbe arrestato tre giovani a Segovia nel bel mezzo di scontri

“Antioqueños, residenti nel comune di Remedios, ci avvisano dell’escalation di scontri tra i gruppi criminali del Clan del Golfo e dell’ELN che lascerebbero diversi morti, apparentemente gli stessi illegali. Chiediamo al @COL_EJERCITO e alla @PoliciaColombia, – che sono consapevoli dei combattimenti – per affrontare con decisione queste espressioni di violenza e proteggere la popolazione civile”, ha scritto il governatore Rendón sul suo account X annunciando la sua presenza sul posto questo giovedì per verificare i fatti.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il Boca sta già giocando con il Vélez alla Bombonera per chiudere nel migliore dei modi il semestre
NEXT Si cerca disperatamente a Corrientes un bambino di 5 anni scomparso: era andato a raccogliere arance in montagna e non è più tornato