È stata approvata la tariffazione per l’utilizzo dell’acqua nelle dighe di Limay e Neuquén

La legislatura di Neuquén ha approvato in generale il disegno di legge che stabilisce la riscossione di un canone per l’utilizzo e utilizzo dell’acqua per la produzione di energia elettrica. L’iniziativa mira a risolvere una vecchia disputa sulle risorse naturali della provincia, destinando i fondi raccolti alla progettazione e costruzione di nuovi generatori.

Il deputato Cielubi Obreque (MPN) ha descritto la misura come “un atto di giustizia e anche di riparazione”. Obreque Ha spiegato che il 70% delle entrate sarà destinato alla costruzione di nuove dighe, parchi solari ed eolici e al miglioramento del trasporto elettrico, con l’obiettivo di ridurre le tariffe per i residenti di Neuquén.

“Il trasporto non verrà addebitato, la domanda è ciò di cui ha bisogno la gente di Neuquén”, ha affermato. EIl 22% dei fondi sarà assegnato ai comuni che ricevono la co-partecipazione e l’8% ai non comunitari.in poi, per finanziare nuovi lotti con servizi e riqualificare insediamenti.

Vice Claudio Domínguez (MPN) ha spiegato che la tassa verrà addebitata per ogni volta che l’acqua passa attraverso una diga, rsottolineando che “l’acqua, per Costituzione Nazionale, è una risorsa della provincia, non è in discussione”.

Domínguez ha spiegato che la Segreteria delle Risorse Idriche stabilirà l’importo della tassa. “Se ad esempio si stabilissero 1,20 dollari per ogni mille litri d’acqua, se raccoglierebbero 47 milioni di dollari all’anno”, ha aggiunto. Inoltre il 70% del ricavato andrà al cCostruzione di centri di produzione e il 30% ai comuni.

Vice Damián Canuto (Pro) ha ricordato che “il parametro per determinare il canone può essere oggetto di discussione o controversia, come l’uso del metro cubo rispetto all’ettometro cubo”. Tuttavia, ha sottolineato il diritto legittimo della provincia di regolamentare queste risorse.

César Gass (Insieme per il cambiamento) ha ricordato che “la privatizzazione degli anni ’90 è stata fatta male perché le unità aziendali sono state separate.” Ha sostenuto una maggiore partecipazione di Neuquén nei negoziati con Río Negro sulla proprietà delle dighe, riaffermando che “Neuquén deve essere parte dei negoziati con Río Negro nella discussione sulla proprietà delle dighe”.

Gabriel Álamo (MPN) ha elogiato il lavoro del blocco MPN e ha ritenuto positivo che parte delle risorse canoniche siano distribuite ai comuni.

Andrés Blanco (Fronte Sinistra) ha chiesto di stabilire una base nel canone, assicurando che è sufficiente a finanziare le opere di generazione di energia e criticando la mancata partecipazione delle organizzazioni socio-ambientali al progetto. Alla fine la votazione ha registrato 28 voti positivi e due negativi. La legge passerà al prossimo ordine del giorno per il suo trattamento particolare.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV I leader religiosi di Casanare sono formati in intelligenza emotiva e salute mentale » PRENSA LIBRE CASANARE
NEXT La delegazione colombiana chiede all’ELN di ritornare al tavolo