Celebrano 61 anni di Collaborazione Medica Internazionale di Cuba

Celebrano 61 anni di Collaborazione Medica Internazionale di Cuba
Celebrano 61 anni di Collaborazione Medica Internazionale di Cuba

In occasione del 61° anniversario della Collaborazione Medica Internazionale Cubana, il responsabile della Sanità dell’isola ha elogiato le belle pagine di amore e solidarietà scritte dai talentuosi e consacrati specialisti.

A sua volta, il dottor Michael Cabrera, direttore dell’Unità Centrale di Collaborazione Medica, ha sottolineato che la data invita a riflettere sull’eredità del suo fondatore e più grande ispiratore, il Comandante in Capo Fidel Castro.

Cabrera ha ricordato che il 23 maggio 1963, un aereo trasportò in Algeria 29 medici, quattro stomatologi, 14 infermieri e sette tecnici della sanità cubani, per fornire servizi permanenti a quella città.

Ciò ha dato inizio a una nuova forma di solidarietà e internazionalismo che stupirà il pianeta, ha affermato.

Salvare vite umane a Cuba e al mondo è stata la premessa dei professionisti della salute cubani in tutti questi decenni, ha affermato.

Il funzionario ha precisato che attualmente 22.861 specialisti cubani della sanità prestano servizi in Medio Oriente, Asia, Europa, Africa, America Latina e Caraibi.

Con risultati lodevoli in 54 paesi, ha detto, lavorano 9.049 medici, di cui il 64% sono donne.

Gli operatori umanitari cubani hanno fornito servizi alle popolazioni più diseredate; consultato più di duemila e 255 milioni di persone; ha eseguito più di 16 milioni di interventi chirurgici e più di cinque milioni di nascite, ha detto.

Ciò costituisce motivo di orgoglio e di soddisfazione per il popolo cubano, dove emergono lavoratori preziosi e qualificati, autentici protagonisti di questa storia, come espressione suprema del pensiero di Martí che Patria è Umanità, ha affermato Cabrera.

lam/abm

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il costo per costruire una casa sta aumentando in Colombia? Questo è quanto dice l’indice Icoced DANE
NEXT Morte di un bambino denunciata a Cienfuegos da Oropouche