I continui blackout impediscono a più di 700mila cubani di ricevere acqua

I vasti blackout quotidiani subiti dai cubani hanno anche un impatto diretto sul servizio di approvvigionamento idrico.

“La situazione attualmente è molto complessa” assicurato l’Istituto Nazionale delle Risorse Idrauliche (INRH), per voce del suo presidente Antonio Rodríguez Rodríguez.

Lo specialista ha confermato che più di 700mila cubani non ricevono acqua a causa della crisi energetica che vive oggi l’Isola. Risulta che l’area idraulica è il secondo maggior consumatore di energia del Paese, dopo la domanda residenziale.

Il dirigente ha indicato direttamente nell’emergenza energetica la causa principale di una prospettiva così negativa per quanto riguarda l’approvvigionamento di acqua potabile. L’istituto stesso ha riconosciuto che solo la metà dei cubani riceve stabilmente il liquido vitale.

Il resto dei consumatori non ha questo vantaggio per diversi motivi. Ad esempio, motivi come siccità, interruzioni e mancanza di rete di distribuzione sono solo alcuni dei motivi della citata carenza di acqua potabile.

Gruppi elettrogeni in soccorso

Il direttore delle Risorse Idrauliche non ha nascosto la reale situazione dei gruppi elettrogeni negli impianti di fornitura.

“Recentemente si copriva solo il 36% delle fonti di approvvigionamento nei territori. Siamo arrivati ​​al 57%, ma contiamo di coprire presto il 65% con l’ingresso di altre batterie”.

Come se ciò non bastasse, non esiste nemmeno un rifornimento frequente di carburante per mantenere la vitalità di questi gruppi elettrogeni. In alternativa, l’acqua viene distribuita in autocisterne.

A questo proposito, Rodríguez Rodríguez ha sottolineato che “attualmente si stanno installando 722 dispositivi ad energia solare. “Ciò ridurrà la dipendenza dal pompaggio nella rete elettrica nazionale”.

“Sono più di 600 i prestatori di servizi e altri 144 sono appena arrivati ​​per i comuni montani.

Si tratta di 170 stazioni di pompaggio che verranno allestite con 70 unità alimentate da pannelli solari nell’est del Paese. Altri 74 andranno a Villa Clara”, ha concluso.

Lettore video di YouTube

Iscriviti alle notifiche


#Cuba

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV cosa vedere e dove fare acquisti
NEXT “Punta Norte non esiste”: i vicini lamentano l’abbandono e chiedono l’ingresso della Linea 11