la storia mai raccontata della discarica di polvere esplosa a Soacha

la storia mai raccontata della discarica di polvere esplosa a Soacha
la storia mai raccontata della discarica di polvere esplosa a Soacha

Da un momento all’altro le finestre hanno cominciato a tremare e un suono sorprendente ha colpito le orecchie degli abitanti del comune di Soacha. Le finestre di alcune case e aziende sono state rotte. Alla fine si udì uno scoppio di fuochi d’artificio. Il fumo ha invaso il posto e l’odore della polvere da sparo si è diffuso attraverso la South Highway.

“Sembrava la fine del mondo, Sembrava molto duro e le mie finestre si sono rotte.. In quel momento sembrava di nuovo duro e tutto era pieno di fumo”, ha detto il proprietario di una casa nel quartiere sul lato opposto della strada del Sud, che aveva paura dell’esplosione nella fabbrica di polvere “El Vaquero” nel pomeriggio. .questo mercoledì 22 maggio.

“Anche se non è la prima volta”, ha aggiunto la donna a EL TIEMPO. Ebbene, sei anni fa, Nel gennaio 2018 si è verificato un incidente anche nella stessa polveriera e uno degli stand ivi situati è stato quasi completamente distrutto.

“Qualche anno fa, quando è esplosa, sembrava molto duro e abbiamo avuto paura, ma non si sentiva parlare di feriti”, ha detto un altro abitante del quartiere, che vive accanto a questa azienda da diversi anni. Fortunatamente le fiamme sono state domate e non ci sono state perdite umane.

Quel 22 gennaio, intorno alle 9:20 del mattino, si generò una scintilla molto vicina a un materiale di polvere da sparo. È stato attivato l’allarme e gli operatori hanno seguito il protocollo. I vigili del fuoco sono arrivati ​​tempestivamente e hanno spento le fiamme che erano alte diversi metri.

I pezzi di vetro mi sono caduti addosso

A differenza di quell’occasione, nell’esplosione del 22 maggio, perse la vita un operaio e rimasero ferite altre 32 persone della zona. Sebbene, Il numero dei feriti aumenta se si considerano gli abitanti che hanno subito tagli dalle schegge dopo l’ondata esplosiva..

​”Sono andato al negozio per comprare del cibo, quando è successo questo È esplosa e tutte le finestre delle case sono andate in frantumi.. È stato impressionante, sono scoppiati e sono rimasto in mezzo. Quello che ho fatto è stato andare a correre, ma bene mi caddero addosso pezzi di vetro“, ha menzionato una giovane donna che abita nei pressi della compagnia ‘El Vaquero’ e presenta tagli sul corpo; il più grave alla gamba sinistra.

Case colpite.

Foto:Laura Avendaño TEMPO

Una donna aveva ustioni sul 60% del corpo.

“Una donna aveva ustioni sul 60% del corpo, mentre la seconda paziente aveva ustioni sul 40%”, ha spiegato a questo giornale Julián Castro, capo dello staff del centro medico.

‘Tutto crollava e le cose cadevano dal soffitto’: così è stata vissuta l’esplosione all’interno della fabbrica

Ecco come appariva la fabbrica di polvere da sparo di El Vaquero.

Foto:MAURICIO MORENO IL TEMPO

Secondo quanto riferito al giornale dai dipendenti della polveriera, tutto è avvenuto “molto rapidamente”, in una manciata di secondi. Il suono di una detonazione li allertò di ciò che stava accadendo in uno dei magazzini. Immediatamente capirono che qualcosa non andava perché la temperatura aumentava e la loro vista era offuscata dal fumo e dalla polvere.

Tutto era pieno di fumo e non si vedeva nulla.“Nessuno poteva vedere e siamo corsi a cercare l’uscita”, ha detto un operaio rimasto illeso.

Molti come lei ne sono usciti con fratture perché le piastrelle sono cadute.

Le ustioni non sono state le uniche ferite riportate, perché nel mezzo del caos nel tentativo di sopravvivere, molti hanno riportato fratture e contusioni, come nel caso di un imballatore di articoli pirotecnici che è ancora ricoverato all’ospedale cardiovascolare di Soacha.

“Quello che hanno fatto tutti è stato mettersi al riparo e poi cercare una via d’uscita. Lei ha aiutato alcuni colleghi ma non vedevano nulla e cadevano cose dal soffitto. Ha colpito una gamba e poi se l’è rotta. Molti ne sono usciti con fratture”. proprio come lei perché cadevano le tegole”, hanno detto i parenti della ragazza, 29 anni.

Fortunatamente, Sul posto sono accorsi gli agenti del comando che si trovava a pochi metri di distanza e che inizialmente hanno aiutato i feriti che uscivano da soli.anch’essi storditi e in stato di shock.

“Si sentivano fuori posto e storditi”, ha detto la madre di uno degli operatori rimasti al Cardiovascolare, poiché lì lavoravano più di 100 persone.

Il personale dell’ARL è arrivato in questi centri medici per intervistare e parlare con le persone colpite.. L’unità investigativa EL TIEMPO ha appreso che il capo di questa società è Carlos Carvajal Castaño, presidente e rappresentante legale sostituto della Federazione Nazionale dei Pirotecnici (Fenalpi).

Oltre ad una persona deceduta, è noto che vi è una persona ferita brucia sul 90% del corpo e qualcun altro a cui stanno cercando di salvare le gambe.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Ecco come appare l’interno della USS George Washington, una delle più grandi portaerei nucleari del mondo