Yerbateros si è unito alla protesta a Misiones

Un gruppo di erboristi è arrivato giovedì a Posadas per unirsi alle proteste guidate dalla polizia provinciale, insieme ad insegnanti e medici, generando un altro focolaio di protesta nella capitale di Misiones.

Cinquanta produttori di yerba mate si sono incontrati nella rotonda dell’Uruguay e sulla Route 12, la storica porta di Posadeña, e da lì hanno circolato fino all’edificio dell’Istituto Nazionale di Yerba Mate (Inym).

La rivendicazione centrale è contro l’apertura alle importazioni di materie prime che il governo nazionale ha consentito attraverso il Decreto di Necessità e Urgenza numero 70, promulgato lo scorso dicembre con l’obiettivo di deregolamentare l’economia attraverso 300 articoli.

Tra i derivati ​​di questa nuova regolamentazione c’è la rimozione da parte dell’Inym del potere di definire un prezzo minimo di riferimento, che in pratica consente l’importazione di foglie di yerba mate verde dal Brasile e dal Paraguay a prezzi molto inferiori a quelli prodotti a Misiones, soprattutto perché quest’ultimo ha un carico fiscale che fa lievitare il prezzo fino al doppio di quello portato da quei due paesi vicini.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Chi era l’uomo morto sulla Route 40 tra Las Lajas e Zapala: “Era parente di un sindaco”
NEXT Ciò che indica il sindaco di Garagoa con il suo Piano di Sviluppo 2024-2027