fare turismo anche a Sancti Spíritus (+foto) – Escambray

Le forme di gestione non statali sono riconosciute come attori importanti e costituiscono anelli fondamentali nella catena di produzione di beni e servizi turistici; e incidono anche sulle esportazioni

Il 40 per cento dei clienti stranieri che hanno visitato Sancti Spíritus quest’anno hanno soggiornato in ostelli privati. (Foto: Ana Martha Panadés/Escambray).

Quest’anno, il 40 per cento dei clienti che hanno visitato la provincia di Sancti Spíritus hanno alloggiato in alloggi del settore non statale, il che conferma la loro crescente partecipazione all’industria del turismo a Cuba.

Aggiungere poi le diverse forme di gestione non statale, come le MPMI ricettive, le case in affitto e i Progetti di Sviluppo Locale, ad una gestione complessiva del territorio come destinazione turistica consentirà di rafforzare la capacità di sviluppo di un settore strategico per l’economia del Paese. , che oggi contribuisce al 50 per cento delle entrate di Sancti Spíritus.

Per questo motivo, il primo Workshop di scambio di esperienze con il settore non statale, promosso dalla Delegazione del Ministero del Turismo (Mintur) sul territorio, ha mostrato quanto sia opportuna questa filiera per promuovere altre iniziative per la commercializzazione dei beni e servizi.

Al workshop di scambio con il settore non statale hanno partecipato i responsabili di alcune imprese della provincia.

Durante l’incontro sono stati scoperti alcuni dei prodotti che rispondono a queste nuove modalità, come gli agriturismi. La Lima e Hacienda Los Milagros a Trinidad, La Picadora a Yaguajay o Casimiro a Taguasco convalidano un’opzione che offre esperienze uniche ai viaggiatori in ambienti naturali di straordinaria bellezza.

Nel presentare le loro esperienze, i proprietari di queste imprese hanno fatto riferimento alla loro strategia commerciale con variazioni dei prezzi e dei segmenti di mercato per stagione (alta e bassa), un aspetto di cui tenere conto nelle politiche nazionali e territoriali del Mintur, ha suggerito Ana Luisa Borges González, specialista della Delegazione Provinciale.

Essendo un mercato in espansione, il turismo nazionale accede sempre più a queste offerte ed è diventato un’importante fonte di raccolta di valuta estera necessaria per lo sviluppo del Paese e il finanziamento di programmi sociali a beneficio di tutti i cittadini.

L’artigianato, le imprese private, i progetti culturali e i servizi gastronomici sono determinanti nel marketing, ha affermato Yordanis Fernández Alonso, delegato del Mintur a Sancti Spíritus.

Non possiamo però perdere di vista che il turismo è un esportatore di servizi per eccellenza, e non solo quando si tratta di vendere una camera d’albergo. Per favorire il consumo del cliente – tradotto in reddito nella bilancia dei pagamenti – è necessario diversificare il prodotto e differenziarlo. “L’artigianato, l’impresa privata, i progetti culturali e i servizi gastronomici stanno determinando questo processo”, ha affermato Yordanis Fernández Alonso, delegato del Mintur a Sancti Spíritus.

Allo stesso modo, il ruolo delle agenzie di viaggio in questo rinnovato approccio all’attività è cruciale e richiede l’aggiornamento dei cataloghi per includere tutte le offerte, sia quelle di hotel ad alto comfort che le escursioni nei siti naturali e altre tipologie di alloggi più economici.

È vero che a Trinidad confluiscono diverse tipologie di turismo, con proposte culturali, naturalistiche e di sole e spiaggia, ma anche nel resto dei comuni di Sancti Spiritus ci sono grandi attrazioni e riserve ecologiche per promuovere questa destinazione come una delle più bellissimo nel centro dell’isola caraibica.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV “Salto Grande è la grande truffa per la gente di Entre Ríos.” Cresto esorta a unire le forze contro il centralismo – Notizie
NEXT Picco e targa a Bucaramanga dall’11 al 15 giugno