A causa della denuncia, Posadas ha vissuto una giornata di cortei e di repressione di insegnanti e medici – CHACODIAPORDIA.COM

La storia missionaria, così ricca di pietre miliari, miti, eroi e leggende, è stata segnata ieri sera da una giornata epica da ricordare grazie al coraggio degli insegnanti e del settore sanitario che hanno resistito a due attacchi repressivi della Fanteria, hanno superato l’indifferenza dei legislatori provinciali e hanno coronato una marcia di massa davanti alla casa del governatore Hugo Passalacqua, che, dopo una settimana di proteste, non solo non riceve ancora i diversi settori che chiedono la parità di salario, ma anche senza nemmeno mostrare il suo volto o offrire alcun messaggio ufficiale ad una società che mette sempre più in discussione Di più.

Prima di questo risultato, gli insegnanti in lotta avevano subito l’affronto della polizia in segno di protesta davanti al Comando Radiofonico di Posadas (che, nonostante le speculazioni sulla loro partecipazione, alla fine desistette dall’unirsi ad una marcia che in definitiva lottava per la stessa cosa per cui si battono loro). : ricomposizione salariale al 100 per cento).

Così, alle 18, una grande carovana ha iniziato la sua marcia dal campo dell’Uruguay e da Trincheras de San José, angolo del quartiere di Posada di El Palomar attorno al quale hanno deciso di riunirsi i sindacati degli insegnanti più combattivi (oltre agli insegnanti e alle insegnanti, e insegnanti autoconvocati) che non hanno accettato la miserabile offerta del Ministro dell’Istruzione, della Scienza e della Tecnologia, Ramiro Aranda, e, invece, il Sindacato degli Insegnanti della Provincia di Misiones (UDPM) e il SIDEPP (insegnanti pubblici e privati) ) firmato. .

Il corteo (a cui hanno partecipato insegnanti ma anche personale sanitario, soprattutto medici dell’Ospedale Pediatrico Fernando Barreyro) aveva inizialmente una destinazione già stabilita: la Camera dei Rappresentanti di Misiones situata nella zona del Parque República del Paraguay, a pochi metri di distanza il fiume Paraná e circa tre chilometri a nord del campo.

Le colonne si muovevano principalmente lungo la via Colón, che ha permesso loro di passare prima attraverso la piazza principale di Posadas, 9 de Julio, di fronte alla quale si trova il Palazzo del Governo, e anche attraverso la Prima Stazione di Polizia, la zona principale della capitale. missionario e anche uno degli Spazi della Memoria, poiché lì operava un Centro di Detenzione Clandestino durante l’ultima dittatura.

Intorno alle 19 almeno duemila manifestanti sono arrivati ​​​​sulla spianata pedonale del parlamento missionario, pronto a incontrarsi. Tra i suoi quaranta deputati ci sono riferimenti importanti nella storia del Frente Renovador de la Concordia che amministra la provincia dal 2003, tra cui il suo presidente Oscar Herrera Ahuad (governatore dal 2019 al 2023) e Carlos Rovira, motore assoluto dello spazio politico.

Come osservato in diversi video circolati nel pomeriggio freddo e piovoso di giovedì, la facciata della Camera dei Rappresentanti di Misiones era recintata. Dietro queste strutture si trovavano una ventina di fanti con elmetti, scudi e armi armate con proiettili di gomma, affiancati ai lati da una quarantina di altri agenti di polizia e altrettanti dispersi nei pressi del palazzo legislativo.

Un primo tafferuglio avvenne quando alcuni insegnanti vollero entrare nella Legislatura con lo scopo di essere ricevuti dai deputati provinciali. Per fare questo, hanno cercato di sfondare le recinzioni, anche se le forze di sicurezza sono intervenute immediatamente e ciò ha portato ad un momento drammatico: gli uomini in uniforme hanno sparato spray al peperoncino in varie quantità, ripetutamente e indiscriminatamente, colpendo anche gli addetti alla stampa che stavano perquisendo.

Hanno anche distribuito bastoni e ferito almeno tre diversi insegnanti, uno dei quali ha dovuto essere trasportato in ambulanza.

Dopo quindici minuti di alta tensione, le truppe hanno fermato l’aggressione, ma sono rimaste stazionate per formare uno scudo umano che impedisse in ogni momento l’accesso al distretto legislativo. Ai piani superiori del congresso provinciale numerosi impiegati legislativi sono stati osservati filmare i manifestanti con i cellulari, alcuni anche con sguardi provocanti.

Nelle due ore che è durata la seduta parlamentare, insegnanti e pediatri si sono alternati al microfono o al megafono per pronunciare discorsi o messaggi diversi, mentre in sottofondo diverse batucadas davano ritmo e calore alla giornata iniziata con venti, temporali e freddo, ma poi portato alla classica umidità costiera.

Misiones Protestacasagob 23maggio2024a

Infatti, quando sono trascorse le 20:00 e la sessione parlamentare si è conclusa senza dare risposte ai manifestanti, questi hanno votato in assemblea e per alzata di mano una decisione coraggiosa e senza precedenti: recarsi a piedi a casa del governatore Hugo Passalaqua, con il quale Página/ 12 hanno provato a comunicare nel corso della giornata ma senza alcuna risposta.

Il corteo fino al palazzo 25 de Mayo e San Martín dove abita Passalacqua, a circa due chilometri dalla legislatura, ha aggiunto un dettaglio che fino ad ora non si era verificato nella settimana di protesta: numerosi missionari sono usciti sui marciapiedi o sui balconi per applaudire insegnanti e personale sanitario. Un affetto che fa da scudo alla fiducia in una protesta che si presuppone lunga e difficile.

Sebbene la camminata si sia svolta senza problemi e con il contributo di un mezzo della Misiones Transit che si è mosso in avanti per tagliare la strada e consentire ai manifestanti di circolare senza problemi, mezzo isolato prima dell’abitazione di Passalacqua sono comparsi a tutta velocità due furgoni con truppe di fanteria che stazionavano all’ingresso dell’edificio abitato dal governatore.

La scena è stata violenta e drammatica: gli uomini in uniforme hanno formato una catena umana e hanno sparato nuovamente gas lacrimogeni, questa volta in una zona molto più concentrata di persone, dato che 25 de Mayo è una strada stretta e ad un’unica corsia. Inoltre, almeno dieci colpi sono stati sparati al suolo e in aria, generando confusione e correndo in un raggio molto ristretto e densamente occupato.

Quando gli eventi portarono inevitabilmente ad un’escalation repressiva di portata, accadde qualcosa che cambiò la dinamica: diversi insegnanti (soprattutto donne) si sedettero sul marciapiede dove si trovava la Fanteria, anche se alle loro spalle.

Lo scopo era quello di impedire agli uomini in divisa di avanzare, come avevano inizialmente lasciato intendere con il loro classico clangore. Questo atteggiamento pacifico e coraggioso degli insegnanti giovani ed esperti ha dato coraggio agli altri manifestanti, che hanno messo alle strette le forze di sicurezza, che erano notevolmente inferiori in numero alla massa proveniente dal corteo.

Un’immagine rimarrà per sempre tra i presenti in quella notte storica: un agente di polizia ha cominciato a chiedere calma ai manifestanti con un’evidente espressione angosciata ed è stato un medico con maschera e tamburo a intervenire per evitare che venissero linciati. Poco dopo, chi sembrava essere il capo dell’operazione negoziò con gli insegnanti il ​​ritiro della fanteria, che finì per ritirarsi in via San Martín.

Lì, poi, ha preso la parola il professore Carlos Lezcano con un microfono che amplificava la sua voce davanti al balcone Passalacqua. “Il governatore pensa di risolvere la fame dei lavoratori con i gas lacrimogeni. Ma la povertà non si cura con un bastone. L’unica strada è il dialogo e vogliamo che si apra un tavolo di discussione perché abbiamo argomenti per dimostrare che ci sono soldi per ripristinare i salari di povertà”.

Applausi, ovazioni e deconcentrazione pacifica verso il punto zero di questa marcia e di questa rivendicazione: il campo di Uruguay Street dove proseguiranno le azioni di combattimento.

Pagina 12

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Setta ha presentato più di 4mila citazioni per cattivo parcheggio in Armenia
NEXT 2,4 miliardi di dollari stanziati dal governo di Córdoba per far fronte all’emergenza inondazioni