È avvenuto in Cile e la sua intensità è stata 20mila volte più potente di una bomba atomica: così è stato vissuto il più grande terremoto della storia

È avvenuto in Cile e la sua intensità è stata 20mila volte più potente di una bomba atomica: così è stato vissuto il più grande terremoto della storia
È avvenuto in Cile e la sua intensità è stata 20mila volte più potente di una bomba atomica: così è stato vissuto il più grande terremoto della storia

Era il 22 maggio 1960, intorno alle ore 15, quando la città di Valdiviain Cile, ha affrontato a terremoto che è classificato come il più grande della storia.

L’evento Ha raggiunto un’intensità di 9,5 della scala Richter ed è durato circa 10 minuti.

In seguito al terremoto, città, case, edifici, ponti crollarono, si verificò uno tsunami con onde superiori a 10 metri, il vulcano Puyehue eruttò e diversi fiumi subirono cambiamenti nel loro corso..

Si registrarono più di 2.000 morti, milioni di vittime e gravi danni. nelle infrastrutture.

Secondo i dati recuperati dalla BBC, si stima che L’energia rilasciata era 20.000 volte più potente della bomba sganciata su Hiroshima (Giappone) alla fine della seconda guerra mondiale.

E persino, I suoi effetti ebbero ripercussioni anche sulle coste delle Hawaii e del Giappone.

L’intensità dell’evento ha portato a considerarlo come il più forte mai registrato.

Seguono poi l’Alaska (Stati Uniti) nel 1964 e Sumatra (Indonesia) nel 2004.secondo una classifica disponibile su Science Focus aggiornata al 1 marzo 2024.

Si è verificato in Cile e la sua intensità è stata 20mila volte più potente di una bomba atomica: è così che è stato vissuto il più grande terremoto della storia. Foto: riferimento/effetti del terremoto di Valdivia del 1960.

Come fu vissuto il terremoto di Valdivia del 1960 e quali furono i suoi effetti

Il libro storico Ore di tragedia del defunto giornalista ed ex politico Hernán Olave Verdugo riferisce che ““Il terremoto era come un ciclope gigantesco che con un’enorme mazza schiacciava ogni cosa con rabbia furiosa.”.

“Un solo colpo e cadrà la torre della Caserma degli Bombardi… Le Imposte Interne, il Centro Spagnolo, la Cattedrale, la Chiesa Evangelica e tanti altri. All’improvviso il gigante impazzì e cominciò a sferrare colpi a destra e a sinistra, lasciando l’intera città brutalmente ferita.“, ha scritto.

Circa 15 minuti dopo l’impatto, Si è scatenato uno tsunami che ha colpito settori come Valdivia, Corral, Puerto Saavedra, Isla Mocha, Maullín, Ancud e Castro, tra le altre località.secondo Infobae.

Gli effetti in altre parti del globo furono notevoli con il passare delle ore.

Circa 15 ore dopo il terremoto, Alle Hawaii si è generato uno tsunami che ha provocato la morte di 61 persone, mentre nelle Filippine le onde hanno causato la morte di 32 persone..

Danni sono stati segnalati anche sull’Isola di Pasqua, Samoa e California materiali.

22 ore dopo l’evento, La regione giapponese di Honshu è stata colpita da grandi onde che hanno distrutto circa 1.600 case e ucciso 138 persone..

Quando trascorsero 50 anni dalla tragedia, nel 2010, l’allora direttore del Southern California Earthquake Center, Tom Jordan, descrisse l’episodio come “un mostro planetario” in un articolo per la rivista Nature.

È avvenuto in Cile e la sua intensità è stata 20mila volte più potente di una bomba atomica: è così che è stato vissuto il più grande terremoto della storia. Foto: riferimento/effetti del terremoto di Valdivia del 1960.

Nel maggio 2020, il geologo e ricercatore dell’Istituto di Scienze della Terra dell’Università Austral in Cile, Daniel Melnick, ha spiegato alla BBC che Il terremoto “ha cambiato drasticamente il paesaggio di Valdivia”, al punto che il terreno è sprofondato di 2,7 metri.

Insieme a questo andarono perduti migliaia di ettari di raccolti alcune pianure divennero zone umide.

“Nei dintorni di Valdivia si possono ancora vedere pali del telegrafo in mezzo al fiume, recinzioni, banchine e strade sommerse”, disse quell’anno, aggiungendo poi che A Maullín e Chiloé l’affondamento “è stato anche brutale”.

Questi sono solo alcuni esempi di le alterazioni che le diverse località dovettero affrontaredagli effetti del terremoto.

Tuttavia, Sebbene ciò che accadde a Valdivia nel maggio 1960 sia ancora ricordato come una catastrofe, contribuì agli studi della comunità scientifica. attorno a questi episodi.

Anche quello Ci ha permesso di comprendere meglio come le onde sismiche si muovono attraverso la Terra, oltre alla struttura del pianeta e gli effetti che possono avere..

Infatti, su quest’ultimo punto, Cinque anni dopo, nel 1965, venne creato lo Tsunami Warning System, fondamentale per il rilevamento degli tsunami in tutto il mondo..

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Da Bogotá sono arrivati ​​individui che, con l’inganno, hanno sequestrato le carte di debito dei cittadini di Bucaramanga
NEXT Ecco come appare l’interno della USS George Washington, una delle più grandi portaerei nucleari del mondo