Avvertono dell’aumento della domanda di elettricità a Cuba – Juventud Rebelde

Avvertono dell’aumento della domanda di elettricità a Cuba – Juventud Rebelde
Avvertono dell’aumento della domanda di elettricità a Cuba – Juventud Rebelde

L’Avana. — Il Ministero dell’Energia e delle Miniere di Cuba ha messo in guardia sull’aumento della domanda di elettricità nel territorio nazionale, che fino a questo venerdì supera la cifra stimata per il 2024, ha riferito Prensa Latina.

L’aumento è stato significativo: nella recente Festa della Mamma, la domanda è stata del 20% superiore a quella dello stesso giorno del 2023, secondo Alfredo López, direttore dell’Unione Elettrica (UNE).

In un’apparizione a “Dalla Presidenza”, un programma YouTube condotto dal presidente cubano Miguel Díaz-Canel, López ha indicato che la domanda per il 2024 dovrebbe essere superiore del 3,5% rispetto all’anno precedente. Tuttavia, abbiamo già superato quella cifra, attribuendola alla combinazione di alte temperature e altri fattori.

La distribuzione dell’energia elettrica sul territorio nazionale è condizionata dalla penuria di combustibili, da guasti imprevisti e dalla manutenzione di numerose centrali termoelettriche. López ha sottolineato che la situazione attuale è diversa da quella del 2018, quando Cuba disponeva di una riserva di 500 megawatt e di una fornitura stabile di carburante.

Dal 2018 non sono state effettuate manutenzioni importanti sui gruppi elettrogeni. A Cuba ci sono 16 unità di produzione, di cui Felton II è costantemente in avaria e 13 delle restanti 15 sono fuori dal sistema di manutenzione. Inoltre, anche la generazione distribuita non è al 100%.

Negli ultimi mesi è stata effettuata la manutenzione su alcune unità, ma non è ancora sufficiente, e ci sono anche problemi con le reti di trasmissione dell’energia elettrica. López ha avvertito che la domanda nei mesi di luglio e agosto potrebbe essere superiore al 3,5%, e non necessariamente simile a quella della Festa della Mamma.

Si prevede che avrà una media di 1.200 megawatt di produzione termica e più di 300 di energia nei mesi di luglio e agosto. Tuttavia, in quei mesi non è possibile evitare interruzioni di corrente.

López ha menzionato anche due grandi progetti di energia solare, uno da 1.006 megawatt che sarà realizzato tra quest’anno e il 2025, e un altro da mille megawatt che sarà installato entro sette anni. Entrambi i progetti avranno bisogno del supporto degli impianti termoelettrici, che nei prossimi anni dovranno essere manutenuti.

Nonostante la grave situazione attuale, López è fiducioso che la tendenza sarà di migliorare a medio termine grazie alle riparazioni in diverse unità. Ha chiesto di consumare solo l’elettricità necessaria. Secondo lui, il risparmio nel settore privato e, soprattutto, nelle imprese e istituzioni statali, è una risorsa preziosa per alleviare la domanda a Cuba.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV La frequenza scolastica a Tarapacá raggiunge ad aprile l’87,6% – Notizie CEI
NEXT Ecco come appare l’interno della USS George Washington, una delle più grandi portaerei nucleari del mondo