Javier Malosetti, bassista di Spinetta, ha elogiato la performance di Olivia Firpo dei Neuquén

Javier Malosetti, bassista di Spinetta, ha elogiato la performance di Olivia Firpo dei Neuquén
Javier Malosetti, bassista di Spinetta, ha elogiato la performance di Olivia Firpo dei Neuquén

“Emozionante ‘Spinetta Day’ al Teatro Colón di Buenos Aires, lo stesso palco dove nel 2002 ci esibimmo con Luis Alberto e un quartetto elettroacustico che comprendeva i grandi Claudio Cardone e Mono Fontana”, ha detto il famoso bassista in una pubblicazione su i suoi social network, dove ha condiviso il video di Olivia che canta forse Barro.

“L’elenco delle star invitate a cantare e suonare con noi era incredibile e le canzoni sono state presentate magnificamente quella mattina, in un ordine non lineare, saltando epoche, album e band leggendarie”, ha aggiunto riguardo allo spettacolo, al quale hanno partecipato, tra gli altri, Nahuel Pennisi, Abel Pintos e Catarina Spinetta.

Olivia ha condiviso la pubblicazione di Malosetti sui suoi social, dove si è notato anche un salto di popolarità. In pochi giorni ha accumulato più di 40mila follower su Instagram e lì ha risposto al messaggio del bassista con un ringraziamento che diceva “che bello Javier”.

javier malotti fascia spinetta day.jpg

Il video virale di Olivia Firpo di Neuquén

Olivia Firpo ha solo 16 anni, ma è riuscita ad avanzare rapidamente nella sua carriera musicale grazie a tanto talento, prove e, soprattutto, una personalità sicura di sé che affronta tutte le sfide. Così è riuscito a trasformare l’attesa in fila per vincere un biglietto in un salto di popolarità e in un ricordo indimenticabile della sua storia con la musica.

Questa settimana, il programma Olga aveva organizzato la consegna dei biglietti per assistere al concerto chiamato Spinetta Day, che si è svolto questo mercoledì al Teatro Colón per rendere omaggio a Luis Alberto Spinetta.

Tra loro c’era Olivia, un’adolescente di 16 anni di Neuquén che faceva la fila per prendere il suo biglietto e assistere al concerto con suo padre. Tuttavia, quando i conduttori hanno notato il suo cartello che diceva “Ho 16 anni e interpreto Spinetta”, l’hanno invitata a cantare nello show e sono rimasti così sorpresi dal suo talento che le hanno suggerito di salire sul palco.

Olivia è salita sul palco del Colón con un abito di gala, molto diverso dall’abito informale che indossava quando si presentava in fila per il programma. Da lì, ha alzato ancora una volta lo stesso striscione colorato che ha aperto le porte a una grande opportunità nella musica. La sua interpretazione della canzone “Barro forse” non ha deluso e per questo ha raccolto decine di elogi da parte dei suoi seguaci, che affermavano di essere rimasti con “la pelle d’oca” e di artisti rinomati della scena.

Olivia a Spinetta day.mp4

A Olivia piaceva provare con personaggi della musica argentina. Prima di cantare, ha condiviso una foto con Abel Pintos e ha detto: “Questo ragazzo mi ha adescato con il mio amico. Dio, ti giuro, non posso crederci”, ha scritto sul suo profilo su X, dove ha ringraziato tutte le persone che l’hanno sostenuta. partecipa allo Spinetta Day.

Oltre ad essere replicata dalla produzione di Olga e dallo stesso Migue Granados, la storia di Olivia è stata replicata anche dai media locali e un profilo della teenager è stato addirittura pubblicato su Gente Magazine, cosa che ha sorpreso la giovane cantante.

Per questo motivo ha approfittato dell’ondata di popolarità per diffondere i canali attraverso i quali è solito diffondere la sua musica e la sua nascente carriera musicale “Colgo l’occasione per aggiungere che mi seguite sulle mie reti! Appaio ovunque come Oli Firpo . Lì potrai accompagnarmi nella mia crescita come artista e vedere e apprezzare la mia musica, cosa che mi piace fare con tutta l’anima. Grazie a tutti i vostri messaggi. Lunga vita al rock, lunga vita allo skinny”, ha scritto Olivia.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV La Rioja registra più di 2.000 crimini informatici nel 2023, il 5,3% in meno rispetto a un anno fa
NEXT L’inverno è arrivato anche per le joint venture Río Negro