La polizia del Río Negro ha recuperato gli oggetti rubati all’ospedale di Roca

Tutto è iniziato questa mattina, quando gli operatori ospedalieri hanno trovato la farmacia dell’istituto completamente in disordine, con la mancanza di farmaci e altri oggetti di valore da parte dello stabilimento e del personale. Da lì è stata tempestivamente allertata la polizia, è stata sporta una denuncia penale presso l’Unità 31 ed è iniziata l’intensa operazione del Ministero della Sicurezza per ritrovare i criminali e il bottino.

Il vice commissario Sebastián Araya ha affermato che “grazie al lavoro svolto dall’unità, sono state raccolte le telecamere e raccolte le testimonianze fino a quando non è stata stabilita la possibile identità dell’autore dell’incidente. A mezzogiorno una persona era già indicata come autore, è iniziato il lavoro sul campo, reso difficile perché è una persona che non ha casa, ma sapevamo già che era della zona nord”.

Così nel pomeriggio “è stato possibile stabilire un indirizzo dove questa persona era arrivata nelle prime ore del mattino con le borse e gli oggetti che aveva rubato dall’ospedale. Lì si trovavano tutti gli oggetti rubati”, ha detto il vice commissario.

In questo modo, il personale dell’Unità 31, e con il supporto permanente del Ministero di Sicurezza e Giustizia della provincia, della Brigata Investigativa di Roca e dell’Ufficio Criminalistica, è riuscito a recuperare più di 31mila pillole destinate alla cura dei pazienti di l’istituto, insieme ad altri oggetti di importante valore, appartenenti all’ospedale e ai suoi dipendenti.

Il Governo della provincia sottolinea l’efficienza e la rapidità d’azione del personale dei diversi organi del Ministero della Sicurezza, che è riuscito a portare a termine con successo questa operazione.

#Argentina

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV L’ONU dentro l’Università
NEXT Ecco come appare l’interno della USS George Washington, una delle più grandi portaerei nucleari del mondo