Sarah Ferguson ha presieduto l’asta del ritratto “più insolito” di Elisabetta II

Sarah Ferguson è stata la protagonista di uno degli eventi clou del Festival di Cannes, il 30° gala dell’amfAR, tenutosi presso l’emblematico hotel Eden Roc per raccogliere fondi contro l’AIDS.

Vestita con un elegante abito di Vivienna Lorikeet e braccialetti di diamanti con i nomi delle sue due figlie, le principesse Eugenie e Beatrice, la duchessa di York è salita sul palco per presentare all’asta una fotografia molto speciale.

Si tratta di una versione del ritratto della regina Elisabetta II (“era mia suocera”, l’ha definita Ferguson nel suo discorso) con gli occhi chiusi che è riuscita a raccogliere 475.000 euro per la Fondazione amfAR, creata da Elizabeth Taylor .

L’opera era stata donata all’amfAR dal suo autore, l’artista canadese Chris Levine, che ritrasse la regina nel 2008 su commissione dell’isola di Jersey.

Come ha detto una volta l’artista, l’immagine è stata il risultato del caso ed è nata spontaneamente durante la sessione fotografica a Buckingham.

“Ero preoccupato per questo [la reina] Era a disagio e le ho suggerito di riposare tra una poppata e l’altra. Poi ha chiuso gli occhi e abbiamo catturato il momento. “Alcuni anni dopo, stavo esaminando gli outtakes quando mi sono imbattuto in quell’immagine e sono rimasto sbalordito.”disse Chris Levine, che nel tempo avrebbe interpretato con gli occhi chiusi anche altri personaggi famosi come Kate Moss o Naomo Campbell, alla rivista Wallpaper un paio di anni fa.

“Mario Testino mi ha detto che era la foto più bella della regina che avesse mai visto e questo mi ha ispirato a mostrarla al mondo.”

Programma di beneficenza

Nel corso di questa settimana, Sarah Ferguson ha partecipato ad altri eventi di beneficenza a Cannes come il Knight Charity Gala, tenutosi questo mercoledì. La sua presenza al Festival arriva dopo essere stata recentemente dimessa dal cancro alla pelle diagnosticato a gennaio, il secondo in un anno dopo quello al seno diagnosticato nel giugno dello scorso anno.

La duchessa di York, Sarah Ferguson, al gala dell’amfAR a Cannes. Reuters.

“Ho messo alle strette il cancro. “Stasera sto molto bene”, ha detto a People. “Ha passato un brutto periodo, ma ultimamente si sta riprendendo”, ha detto la principessa Beatrice in una recente intervista.

L’ex moglie del principe Andrea ha avuto in tutto questo tempo il sostegno della famiglia reale, con i cui membri ha partecipato ad alcuni eventi pubblici.

Guarda ancheSarah Ferguson è stata dimessa dopo la diagnosi di cancro alla pelle

Lo scorso dicembre, Sarah Ferguson ha partecipato per la prima volta dopo il suo divorzio alla tradizionale funzione natalizia a Sandringham, e nel marzo di quest’anno il re Carlo III l’ha invitata anche alla funzione pasquale a Windsor.

Cosa fa la Fondazione amfAR

La Fondazione amfAR, nota anche come Fondazione per la ricerca sull’AIDS, è un’organizzazione senza scopo di lucro dedicata al sostegno della ricerca sull’HIV/AIDS, sulla prevenzione dell’infezione da HIV, sulla cura e sul miglioramento della qualità della vita delle persone affette da HIV/AIDS.

Cena di beneficenza di Elizabeth Taylor per la Fondazione per la lotta contro l'AIDS Cena di beneficenza di Elizabeth Taylor per la Fondazione per la lotta contro l'AIDSElizabeth Taylor è stata una delle cofondatrici dell’amfAR nel 1985, insieme alla dottoressa Mathilde Krim. Archivio Reuters

Fondata nel 1985, l’amfAR è una delle organizzazioni leader a livello mondiale nella lotta contro l’AIDS.

Obiettivi e attività dell’amfAR:

Finanziamento della ricerca:

amfAR fornisce sovvenzioni e finanziamenti a ricercatori e progetti che cercano nuove strategie per il trattamento, la prevenzione e la cura dell’HIV/AIDS. Ciò include la ricerca di base, clinica e di implementazione.

Difesa e Consapevolezza:

La fondazione lavora per aumentare la consapevolezza pubblica sull’HIV/AIDS, influenzare le politiche pubbliche e ridurre lo stigma associato alla malattia. amfAR sostiene politiche sanitarie pubbliche efficaci e i diritti delle persone affette da HIV/AIDS.

Programmi di innovazione:

amfAR promuove programmi innovativi e collabora con altre organizzazioni ed enti per accelerare lo sviluppo di nuove terapie e la ricerca di una cura. Un esempio importante è il “Countdown to a Cure for AIDS”, un’iniziativa per trovare una cura basata sulla ricerca innovativa.

Educazione e diffusione delle informazioni:

La fondazione produce e distribuisce materiali didattici e risorse informative sull’HIV/AIDS, inclusi dati scientifici, progressi della ricerca e guide sulla prevenzione e sul trattamento.

Eventi di raccolta fondi:

amfAR organizza eventi di beneficenza di alto profilo per raccogliere fondi e sensibilizzare. Questi eventi spesso coinvolgono celebrità e personaggi influenti che sostengono la causa.

amfAR ha investito centinaia di milioni di dollari nella ricerca sull’HIV/AIDS e ha assegnato migliaia di sovvenzioni a gruppi di ricerca in tutto il mondo.

La fondazione ha svolto un ruolo cruciale in alcuni dei progressi più significativi nel trattamento dell’HIV, compreso lo sviluppo di terapie antiretrovirali.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Un lavoratore è morto e un altro è rimasto ferito in un incidente alla Minera México de SLP
NEXT Un impiegato comunale e un ex agente di polizia, dietro il mega-sequestro di tetti – Appunti – Casi