Il presunto assassino di un leader sociale nelle Ande, Antioquia, è stato mandato in prigione

Il presunto assassino di un leader sociale nelle Ande, Antioquia, è stato mandato in prigione
Il presunto assassino di un leader sociale nelle Ande, Antioquia, è stato mandato in prigione

Antiochia

Un giudice per il controllo delle garanzie ha imposto una misura di sicurezza in un istituto penitenziario Juan Esteban Acevedo Arteaga, alias Juancito, uno dei presunti autori dell’omicidio del leader sociale Luis Fernando Osorio Soto avvenuto il 29 dicembre 2023, nel villaggio di Orizaba de Andes, nel sud-ovest di Antioquia.

Secondo le indagini l’uomo, in compagnia di altri uomini armati, Sarebbe entrato nell’abitazione della vittima e sarebbe stato portato contro la sua volontà in un luogo solitario e disabitato.

Giorni dopo, il 3 gennaio di quest’anno, Il corpo è stato trovato legato alle mani e ai piedi, con diverse ferite da arma da fuoco e molteplici traumi. nella testa e nel torace.

Nel corso dei lavori delle autorità è stato accertato quanto sopra alias Juancito, a quanto pare, avrebbe prelevato dai conti bancari del leader sociale 19 milioni di pesos. In totale sono stati rubati poco più di 20 milioni di pesos, tra cui denaro e altri oggetti di valore.

Leggi anche:

Colpite 73 abitazioni e 142 persone: bilancio dell’emergenza a Bello

Di quali crimini sei stato accusato?

Alias ​​​​’Juancito’ è stato accusato dei crimini di omicidio aggravato, sparizione forzata, rapina qualificata e aggravata; e fabbricazione, traffico, porto o detenzione di armi da fuocoaccessori, parti o munizioni.

Acevedo non ha accettato le accuse di cui lo ha accusato la Procura Generale.

Luis Fernando Osorio Soto è stato riconosciuto nelle Ande per il lavoro comunitario che ha svolto, oltre ad essere stato infermiere in diverse zone rurali.

#Colombia

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il concerto di Andrés Calamaro ad Axerquía, in immagini
NEXT Un consulente ha fornito le sue previsioni sulla semina del mais dopo la cicalina