È difficile per loro immaginare il loro posto in questa nuova Argentina

Foto: NA – Agenzia di Córdoba.

Javier Milei Era dentro Cordova nell’ambito della celebrazione del nuovo anniversario della Rivoluzione di maggiodove ha realizzato una trasmissione nazionale e ha parlato di diversi argomenti, tra cui l’annuncio della ”Consiglio di maggio” e uno ”significativa riduzione fiscale”.

Inoltre, ha fatto riferimento al presente complicato che sta vivendo il Paese, ma alludendo ai governi precedenti: ”Sono chiaro che questi primi cinque mesi sono stati difficili. Sono stati difficili per tutti. Ma sono stati difficili anche per altri motivi. Non solo perché abbiamo ereditato la peggiore crisi della nostra storia economicama anche perché si è chiuso un ciclo della nostra storia politica che è stato un clamoroso fallimento, ma quel ciclo è finito.

Poi ha fatto riferimento al passato governo: “Al di là delle sue intenzioni, è stato chiaramente un clamoroso fallimento. Quel ciclo è finito. Capisco che sia difficile per molti protagonisti di quel ciclo accettare la caduta del loro vecchio regime e capisco che sia difficile per loro immaginare il loro posto nella nuova Argentina.Più tardi, ha chiarito: ‘Noi, lungi dal perseguire vendette personali e lungi dal dare priorità al nostro interesse politico personale, abbiamo un solo interesse davanti a noi“, l’interesse della maggioranza degli argentini che hanno scelto di vivere in libertà.”

Caduto il patto, Javier Milei ha ribadito l’appello e ha annunciato la creazione di un “Consiglio di maggio”

Non può esserci alcuna ragione legittima per opporsi al sacro compito di ricostruire la Nazione. Non c’è speculazione o ambizione che giustifichi l’impoverimento della nostra Nazione. Per questo voglio annunciare oggi non solo che continueremo a lavorare per realizzare l’accordo di maggio in Argentina, ma anche che l’esecutivo creerà il Consiglio di maggio”, ha esordito.

E ha chiarito che “Sarà composto da un rappresentante del governo nazionale, un rappresentante delle province, un rappresentante dei deputati, un rappresentante dei senatori, delle organizzazioni sindacali e un rappresentante del mondo imprenditoriale argentino”, ha concluso il presidente. nel suo intervento alla televisione nazionale.

Proteste a Córdoba per la visita di Javier Milei

ATE manifestanti Hanno portato avanti la protesta all’ingresso dell’Aeroporto Internazionale Ingeniero Aeronáutico Ambrosio Taravella, sulla strada provinciale E53, a Córdoba. Allo stesso tempo, altre rivendicazioni verranno sviluppate in diverse parti della città.

proteste cordoba.jpeg

Proteste a Córdoba per la visita di Javier Milei.

Con l’intensificarsi della presenza dei manifestanti, la situazione è diventata più tesa a causa del repressione della Gendarmeria. I presenti hanno bruciato pneumatici sulla Avenida Circunvalación e hanno bloccato momentaneamente il passaggio, lasciando libere alcune corsie del percorso che permette l’accesso all’aeroporto, con l’obiettivo di mostrare la propria scontento dell’arrivo di Milei e le politiche del suo governo. La situazione “ora è sotto controllo”, hanno riferito le forze dell’ordine intervenute sul posto.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Ecco come appare l’interno della USS George Washington, una delle più grandi portaerei nucleari del mondo