L’esercito venezuelano smantella il campo minerario illegale

L’esercito venezuelano smantella il campo minerario illegale
L’esercito venezuelano smantella il campo minerario illegale

“Tutelare l’ambiente è un dovere e un diritto costituzionale.”

Nel corso di un’operazione nell’ambito del quinto obiettivo del Piano Patria e dei piani di sicurezza e difesa del Venezuela, le Forze Armate Nazionali Bolivariane (FANB) hanno localizzato e smantellato un campo minerario illegale nel settore “Carida” del comune di Atabapo, nello stato dell’Amazzonia.

L’operazione, condotta da personale militare schierato nella zona, ha permesso la distruzione di questa enclave improvvisata, fatta di case e magazzini costruiti con legno e plastica, che fungeva da base per le attività predatorie dei minatori illegali.

“Questo campo illegale rappresenta una seria minaccia per l’ambiente, dal momento che ha facilitato le azioni di coloro che, senza alcun tipo di controllo o autorizzazione, si dedicavano allo sfruttamento illegale delle risorse minerarie della regione”, ha affermato il Comandante Operativo Strategico della FANB, Domingo Hernández Lárez.

Hernández Lárez ha sottolineato che l’azione della FANB si inquadra nel rispetto della pianificazione territoriale e della Legge Penale Ambientale e risponde all’impegno costante della FANB nella protezione del patrimonio naturale della nazione.

“La tutela dell’ambiente è un dovere e un diritto costituzionale”, ha sottolineato.

Lo smantellamento di questo campo minerario illegale si aggiunge alle numerose azioni che la FANB ha sviluppato in tutto il paese per combattere questa piaga, in linea con le linee guida stabilite dal presidente Nicolás Maduro per la preservazione degli ecosistemi del Venezuela.


#Colombia

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Ecco come appare l’interno della USS George Washington, una delle più grandi portaerei nucleari del mondo