Due settimane dopo il divieto degli assistenti automobilistici a Santa Fe, affermano che il bilancio è positivo e stanno facendo progressi nella modernizzazione del SEOM

Alessandro Boscarolsegretario generale del Comune di Santa Fe, assegnato a ARIA che il bilancio dei primi 15 giorni dall’entrata in vigore della norma è “totalmente positivo” e assicura che in quel periodo si sono costituite cooperative di lavoro per circa 50 addetti all’autoassistenza.

Allo stesso modo, il funzionario ha sottolineato che la misura è stata accompagnata da operazioni di controllo e pattugliamento da parte del GSI e della polizia, sottolineando al contempo la disponibilità del servizio cittadino delle 08.00 per i residenti per sporgere denunce di intimidazione o coercizione sulla strada.

LEGGI DI PIÙ ► Cura dell’auto a Santa Fe: Poletti sottolinea che “non sono rimasti in panne” e dice che il divieto è stato applicato in maniera “pacifica”

gsi cura dell’auto.jpg

I furgoni GSI presidiano il macrocentro, per evitare la presenza di guardiani delle auto. Per 15 giorni l’attività è stata vietata a Santa Fe.

Modernizzazione del SEOM

Boscarol, invece, ha annunciato che il prossimo obiettivo del Comune è modernizzare il sistema di parcheggio ordinato municipale (SEOM) “stabilendo una tecnologia per la mobilità intelligente, rendendola più agile e amichevole per i vicini”.

LEGGI DI PIÙ ► Si stima che circa 40 assistenti automobilistici oggi lavorino nelle cooperative della città di Santa Fe

SEOM COVER.png

Il Comune di Santa Fe cerca di modernizzare il SEOM.

“Ottimizzeremo anche la tecnologia che supporta la rete dei semafori, con un centro di monitoraggio della mobilità intelligente”, ha aggiunto.

SEOM: il Comune ha detto che “per ora” la prima mezz’ora non sarà gratuita

Nella scorsa seduta il Consiglio Comunale ha chiesto al Comune ripristinare la prima mezz’ora di parcheggio gratuito nel SEOM.

A Santa Fe la sosta gratuita per i primi 30 minuti è applicata dal 2018. Dopo aver aggiornato i valori SEOM, il Consiglio ha approvato la delibera che chiede al Comune di ripristinare il beneficio.

LEGGI DI PIÙ ► Cura dell’auto a Santa Fe: “La città era un debito per affrontare il problema”, ha detto Leandro González

Parcheggio a pagamento nel quartiere Candioti_DSC05618_MTH.jpg

Maiquel Torcatt/Aire Digital

Tuttavia, e in risposta alla domanda di ARIAI funzionari comunali sono rimasti sorpresi dalla richiesta e hanno confermato che finora non è stata presa alcuna decisione in merito all’attuazione della risoluzione.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Prima Nazionale: Dip. Madryn vs Estudiantes (RC) Data 20
NEXT L’architetto vive da una settimana nel campo Asosupro chiedendo il pagamento del suo stipendio. Oggi verrà sfrattata » PRENSA LIBRE CASANARE