A Valledupar l’illuminazione pubblica è completa al 70%.

A Valledupar l’illuminazione pubblica è completa al 70%.
A Valledupar l’illuminazione pubblica è completa al 70%.

Prima di Camera di Commercio e Uffici Vigilanza Cittadina di Valledupar, la società Estiv, incaricata illuminazione stradale di questa città ha mostrato lo stato di avanzamento del progetto, a causa delle preoccupazioni della comunità.

Leggi tutto: Morì investito dal treno a Zapatosa

L’entità ha indicato che da quando ha assunto il contratto nel 2023, ha installato un totale di 26.066 apparecchi sia nelle aree urbane che rurali, che rappresenta il Esecuzione al 70%.

Potrebbe interessarti: Un uomo viene ucciso a colpi di arma da fuoco a Tamalameque, Cesar

Allo stesso modo, hanno indicato di avere un progetto di espansione a breve termine in conformità con le richieste avanzate dal Community Action Board dei quartieri: El Hogar, El Eneal, distretto di Los Venados, quartiere di Villamaruake, Villa Rosa, El Carmen, urbanizzazione di El Rocío , El Cerrito, corte Chesmequemena, corte Oriente de Callejas, quartiere Casimiro Maestre, torri di Lorenzo Morales, quartiere Siete de Agosto, ingresso del municipio di El Jabo, percorso pedonale dell’urbanizzazione OGB, prima tappa del complesso di Bambú, quartiere di El Progreso, Jorge Dangond e Villa Tayrona.

Curiosità: hanno trovato un corpo in stato di decomposizione nel sud di Valledupar

Hanno inoltre sottolineato che in questo periodo è stato affrontato il 95% dei reclami; ne sono pervenuti 13.603; 13.022 sono stati assistiti e 581 sono in attesa di cure.

Va ricordato che gli abitanti del Quartieri Cinco de Enero e El Eneal, Altagracia e il settore Ceiba in questo settore della città aspettano velocemente che vengano installate le luci.

Continua a leggere…

#Colombia

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV La Giustizia stima il concorso di colpe per il ciclista che si è scontrato con un cablaggio elettrico per bestiame in una proprietà privata · Notizie Legali
NEXT “Fare la pace richiede coraggio, molto più che fare la guerra”