Per Roald Báscolo: “La strada è andare verso un recupero del potere d’acquisto dei salari”

Per Roald Báscolo: “La strada è andare verso un recupero del potere d’acquisto dei salari”
Per Roald Báscolo: “La strada è andare verso un recupero del potere d’acquisto dei salari”

Il Ministro del Lavoro, dell’Occupazione e della Previdenza Sociale della provincia di Santa Fe ha analizzato con El Litoral il risultato degli accordi raggiunti con i sindacati. Ha anche espresso la sua preoccupazione per il declino di alcune attività economiche.

“È stata una settimana molto intensa in cui abbiamo avuto un incontro centrale congiunto con l’ATE e l’UPCN, con gli insegnanti e con la sanità”, ha commentato il funzionario provinciale. Nella stessa linea ha sottolineato che si è dovuto affrontare un conflitto sorto nella città di Rosario. “Si è chiusa anche con Festram, quindi alla fine è stata una settimana in cui si potevano raggiungere accordi congiunti trimestrali”, ha sottolineato.

Guarda ancheGli insegnanti di Santa Fe hanno ricevuto la stessa proposta salariale dei dipendenti pubblici

“È la prima volta quest’anno che una joint venture trimestrale viene chiusa, poiché l’inflazione sta diminuendo”, Il ministro del Lavoro della provincia di Santa Fe, nella sua analisi, ha voluto però chiarire che i miglioramenti salariali non sono sufficienti a recuperare ciò che è stato perso a causa dell’inflazione nei mesi di dicembre e gennaio, “ma è necessario. La strada da percorrere è quella di andare verso un recupero del potere d’acquisto dei salari”, suggerisce speranzoso.

Collezione

Báscolo ha precisato che gli accordi raggiunti sono il frutto del lavoro congiunto del governo e dei sindacati, “perché entrambe le parti sanno come va la riscossione della provincia”, ha analizzato. In linea con ciò, il funzionario settentrionale si aspettava che la raccolta di maggio avrebbe registrato un leggero miglioramento, “e questo sarebbe un punto di svolta che, si spera, sarà un cambiamento nella tendenza futura”, ha detto.

Il ministro provinciale ha voluto fare un’analisi più ampia della situazione economica andando oltre i limiti provinciali, “stiamo attraversando una situazione economica molto complicata a livello nazionale, di cui la provincia di Santa Fe non può essere ignara, non è ignara, infatti”, ha affermato.

Proseguendo con la sua interpretazione della realtà economica, ha affermato che la preoccupazione principale della popolazione, che nei mesi di dicembre e gennaio era l’inflazione, “e ovviamente la grande perdita di potere d’acquisto che aveva in quei mesi, oggi la preoccupazione è non solo per cercare di recuperare lentamente il potere d’acquisto, ma anche per riprendere l’attività economica”, ha spiegato.

Attività economica

Secondo il funzionario provinciale ci sono cali di attività molto importanti, “in alcune zone si arriva anche al 40 o 50%, e ovviamente se continua così per molti mesi c’è il rischio che prima vengano tolti gli straordinari, poi inizierà un regime di sospensione e ci saranno anche alcuni licenziamenti”, ha affermato con preoccupazione.

Ha sottolineato l’idea di focalizzare l’attenzione sul livello dell’attività economica, “se questi grandi cali persistessero, genererebbero danni all’occupazione futura”, ha osservato.

“La provincia non ha dati propri, stiamo lavorando a un sistema di digitalizzazione delle buste paga dove possiamo avere i dati in autonomia e in tempi rapidi”, ha promesso rispondendo alla domanda sui livelli di disoccupazione registrati nel territorio provinciale.

In linea con ciò, ha affermato che a questi livelli il governo nazionale concede loro un ritardo di due mesi, “fino ai dati di febbraio, che sono quelli pubblicati, infatti, si è verificata una perdita di posti di lavoro nella provincia di circa 5.000 unità”. e 6.000 posti di lavoro su un totale di 520.000 salariali”, ha confermato il Ministro del Lavoro, dell’Occupazione e della Previdenza Sociale, Lic.

Prima di concludere l’intervista, il ministro ha sottolineato che è sempre bello tornare nella sua città natale, “la verità è che mi piace tornare a Reconquista. La mia idea è di essere almeno un giorno durante la settimana del nord”, ha spiegato.

Tuttavia, ha detto che ci sono state settimane di intensa attività che gli hanno impedito di raggiungere questo scopo, “abbiamo una buona notizia che martedì della prossima settimana il governatore sarà al nord, sarà nella città di Reconquista, lo farà” Il Ministro dei Lavori Pubblici sarà presente e ovviamente vi invitiamo a partecipare a questo tour”, ha concluso il Ministro del Lavoro, dell’Occupazione e della Previdenza Sociale, Lic. Roald Báscolo.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Díaz-Canel si congratula con AMLO per la sua vittoria elettorale; Il Presidente cubano si congratula con Narendra Modi per la sua rielezione; Vertice sugli aiuti d’emergenza tenutosi a Gaza; Milei sei mesi di governo › Hilo Directo › Granma
NEXT L’Atlético Huila ha chiuso il primo semestre con la vittoria. • La Nación