Storm Sound e Super Number hanno creato un abbinamento classico

Storm Sound e Super Number hanno creato un abbinamento classico
Storm Sound e Super Number hanno creato un abbinamento classico

L’allievo dell’allenatore Omar Labanca, corsa al centimetro dal fantino Lautaro Balmaceda, ha seguito tutto il tiro di Super Numero per superarlo alla fine per il collo. Terzo, in un’altra gara, Sell Side. In questo modo Storm Sound vinse la Classica del 25 maggio 1810 (G II-1.600 metri).

Di GALOPON

Domenica di attività al Teatro del Turf nel quartiere dell’Ippodromo con 11 atti in cartellone. La gara centrale è stata la tradizionale Clásico 25 de Mayo (G II-1.600 metri) dove ha vinto Storm Sound che, dopo aver seguito l’intero tiro al Super Number, è andato a cercarlo nel rettilineo e lo ha superato per mantenere un vantaggio al collo sul documentazione. . Mentre terzo, a sette lunghezze, si è classificato Sell Side. L’allievo di Omar Labanca aveva appena vinto una gara condizionale a San Isidro e ieri è diventato un classico, ottenendo la quarta vittoria della sua stagione in buona forma.

Gara riservata a tutti i cavalli dai 3 anni in su, in rapporto al peso per età, ha preso l’ottavo turno della programmazione ed i 13 cavalli ratificati provenivano dal gioco. La chiusura delle scommesse ha mostrato il rigido favoritismo della squadra composta da Endo Verde e Standartd con una scommessa di $ 2,75 sulle probabilità di Super Number ($ 3,60) e Ambar Rose ($ 5,80) e tra loro tre hanno divorato il board. La disputa, dalle carte, è passata in pista, e lì, “dove si vedono i pingos”, la vittoria è andata a Storm Sound che alla fine ha sorpreso Super Number, che ha inseguito fin dalla partenza e che in mezzo alla gara dritto Lo superò per picchiarlo finalmente per il collo.

Quando le gattaiole si aprirono, Super Numero non li lasciò nemmeno respirare, facendosi carico dell’avanguardia fin dall’inizio, ma né stupido né pigro, Storm Sound andò subito a puntargli il coltello al collo, mentre il favorito Standartd si scatenò, suggellando il suo destino nella stessa libertà. E quando la gara è stata ufficializzata, il leader ha allungato di una lunghezza il vantaggio su Storm Sound, lasciandosi alle spalle El Oro Negro, Perugio Top e Sell Side.

Al passaggio del cartello del chilometro queste posizioni furono mantenute e in questo modo completarono il percorso del rettilineo opposto e si tuffarono nell’angolo della 41ª Strada con l’avanguardia già decisamente assediata da Storm Sound, mentre all’esterno si posizionarono Sell ​​Side e poi c’era El Oro Negro dalla parte dei perdenti. In piena ellisse, i due davanti non hanno ceduto né chiesto vantaggio, solo separati di collo con la promessa di definizione corpo a corpo.

E così è stato, perché quando sono entrati nel rettilineo i due leader lo hanno fatto alla pari, ma Storm Sound ha subito preso il comando sul rivale, che hanno mantenuto durante l’incrocio del disco.

Il vincitore si è mosso in 23s.96/100 per i primi 400 metri; 46s.96/100 per gli 800 metri; 1’11.71/100 per i 1.200 metri, fino a completare 1’37.33/100 per i 1.600 metri di percorso normale.

Nel 1°. The Ingenuous era più di una storia giapponese

La prima gara, il Premio Capolicho (1.000 metri), ha favorito la vittoria di El Manipulator ($ 2,30) o Abbie Song ($ 2,80), ma in pista la vittoria non è stata né per l’uno né per l’altro, ma per El Naive. Questo, cavalcato efficacemente dall’apprendista fantino di successo Kevin Méndez, ha sconfitto Cuento Japonés per tre quarti di lunghezza, che ha investito forte al traguardo. Mentre il terzo piatto in classifica è andato a El Manipulator. L’allievo di coach Angel Barbieri è arrivato aspettando fino al rettilineo dove ha attaccato da fuori per vincere a 150 metri dalla fine e continuare il suo viaggio verso il disco.

Riservato a qualsiasi cavallo dai 6 anni in su, vincitore di una o due gare, come dicevamo, il favorito della prova è stato El Manipulator con una scommessa di 2,30$ contro Abbie Song (2,80$) e El Ingenuo (6,50$). Già in pista, El Ingenuo ha ottenuto la vittoria dopo essere passato dal più basso al più alto, per attaccare sul rettilineo e passare.

Con i cancelli aperti, Charly Song, Beautiful Visión e Transónico Dubai hanno iniziato su un piano di parità, davanti a El Manipulator e Vales Vari. In modo tale che quando la gara è stata ufficializzata El Manipulator si è portato in testa con un piccolo vantaggio su Transónico Dubai e Vales Many (che pochi metri dopo è stato disarcionato dal suo fantino), seguito da Charly Song, Beautiful Vision ed El Ingenuo. Hanno così completato il percorso inverso e hanno ribaltato l’angolo della 41esima strada, con il favorito davanti con una lunghezza e mezza di vantaggio su Charly Song, Transónico Dubai e El Ingenuo, che correvano raggruppati.

In tutta l’ellisse, El Manipulator ha continuato a comandare, mantenendo una lunghezza e mezza di vantaggio sui suoi tre inseguitori, che aspettavano il loro momento, in modo tale che quando ha fatto un passo a destra, il favorito si è affidato al disco, ma El Ingenuo attaccò subito e a 150 metri dalla fine passò in testa per continuare il viaggio fino al discus che attraversò con tre quarti di lunghezza davanti alla carica tardiva di Cuento Japonés, che nella definizione dovette correggere la sua linea, che se non fosse stato per quello forse sarebbe stata “un’altra canzone”. Mentre terzo, nel lungo e nel medio, è rimasto The Manipulator.

Il vincitore ha utilizzato 1m.00s.99/100 per i 1.000 metri su pista normale.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Insieme a Lina María, in tre anni sono morti a Bogotá 24 bambini Embera
NEXT La qualità ambientale concentra gli sforzi in Sancti Spíritus – Radio Sancti Spíritus