“Pensava che la sua vanità fosse superiore alla democrazia colombiana”

“Pensava che la sua vanità fosse superiore alla democrazia colombiana”
“Pensava che la sua vanità fosse superiore alla democrazia colombiana”
Clicca qui per ascoltare la notizia.

Lui ex presidente Álvaro Uribe Vélez Ha anche lanciato contro di lui una lancia. ex presidente Juan Manuel Santosche ha criticato con veemenza il alternativa proposta dall’ex cancelliere Álvaro Leyva convocare a Assemblea Nazionale Costituente basato su una sezione del Accordo di pace firmato con il FARC estinte.

Sì ok Santos ha descritto questa alternativa come “assurda” e ha avvertito che il percorso che il governo di Gustavo Petro “si confronterebbe con il potere legislativo, giudiziario, il forze armate e con la stragrande maggioranza dei colombiani”, Uribe ha criticato l’ex presidente e lo ha lasciato intendere È vostra responsabilità che oggi venga contemplato quel percorso a causa di cosa L’accordo è stato concordato all’Avana (Cuba).

“Santos pensava che la sua vanità fosse superiore alla democrazia colombiana e carattere cittadino. Santos ha lasciato più violenza e ha l’audacia di dire che il “conflitto” è finito. Lo accetterebbe implicitamente se il “conflitto” non fosse finito il costituente potrebbe chiamarsi”– affermò Uribe.

Secondo l’ex presidente Con questo “intreccio” Santos aiuta l’elettrice, “poiché la violenza indica che il ‘conflitto’ continua ed è aumentato.” Pertanto, ha concluso “Abbattino le fondamenta dell’edificio e credono di poterlo sostenere”.

Uribe ha fatto riferimento anche a messaggio diffuso dall’avvocato Abelardo De La Espriella, che ha attaccato duramente Santos e, trattandolo come un “traditore”, Ha messo in dubbio che sia sua responsabilità il fatto che oggi il Paese sia presumibilmente in ginocchio davanti alle richieste delle FARC: “Ora viene a pontificare cercando di scrollarsi di dosso la responsabilità storica “Qual è la sua responsabilità per aver aperto la strada?”

In precedenza, dal Brasile, il L’ex presidente Juan Manuel Santos ha annunciato la sua posizione sulla tesi di Leyvagarantendo che l’utilizzo dell’accordo di pace con le FARC per richiedere a costituente “è assurdo” e quella era una delle linee rosse è stato mantenuto durante tutta la trattativa.

“La teoria dell’accordo non può modificare le parti contraenti né ha base giuridica perché gli accordi speciali presuppongono che il conflitto tra le parti continui e “Tra lo Stato e le FARC non è stato così” ha affermato l’ex presidente Santos, che durante i suoi anni al governo si è adoperato per raggiungere questo scopo portare avanti il ​​processo di pace che gli è valso il Premio Nobel per la Pace.

Santos ha anche sostenuto ciò che altri hanno già detto ex negoziatori di pace e diversi eminenti giuristi: “L’Assemblea costituente può essere solo convocata secondo le procedure stabilite dalla Costituzione, Qualsiasi tentativo di farlo con altri mezzi verrebbe respinto potere legislativo e giudiziario, le forze armate e la stragrande maggioranza dei colombiani”.

Così, ha invitato il Governo a concentrarsi sulla “soluzione dei crescenti problemi che affliggono la popolazione; uno dei modi è attuare l’accordo di pace “che non richiede né costituenti né accordi speciali, ma piuttosto volontà politica e capacità di tradurre le intenzioni in realtà”.

Leyva ha fatto il gioco del presidente Petro con la sua idea di rimuovere il Congresso. Il piccolo trucco per finalizzare l’Assemblea Costituente si troverebbe in una sezione dell’introduzione dell’Accordo di cui si parla invocare e concludere “un grande accordo politico nazionale” definire “il riforme e aggiustamenti istituzionali necessari per affrontare le sfide che la pace richiede”.

Proprio questo lunedì, anche se è uno dei scudieri del Governo, l’ex presidente Ernesto Samper si è espresso contro la proposta e ha detto che non è altro che “un salto nel vuoto dell’istituzionalità”.

Attraverso una dichiarazione rilasciata questo lunedì, Samper assicura che, alla luce della normativa vigente, “non è possibile legittimare” la convocazione di un’Assemblea Costituente nell’Accordo di Pace: “Sarebbe di fatto un’Assemblea Costituente, un salto nel vuoto dell’istituzionalità che inizierebbe ignorando il Congresso e la Corte Costituzionale”, ha avvertito.

La tesi che l’Accordo dell’Avana apre la porta ad un elettore non è altro che un truccocome dice Santos, qualcosa che è stato rafforzato questo fine settimana da Il senatore Humberto de la Calle, capo negoziatore del governo Santos a Cuba.

Nel suo resoconto di X, il senatore ha detto: “Non è vero che l’autorizzazione a ricercare un elettore sia implicita in quanto concordato, e ancor meno la tesi secondo cui le parti concordano fuori dalla legalità colombiana e imporre una costituente fuori dalle norme costituzionali (…) la costituente è regolata dalla Costituzione e richiede una legge del Congresso.”

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV La Colombia ha una canzone per la Copa América grazie a Ryan Castro
NEXT Sono queste le misure adottate dalle autorità, dopo l’ondata di omicidi a Ibagué