JOSÉ MARÍA BELLIDO SINDACO CÓRDOBA

JOSÉ MARÍA BELLIDO SINDACO CÓRDOBA
JOSÉ MARÍA BELLIDO SINDACO CÓRDOBA

José Maria Bellido lo ha realizzato di recente 20 anni di lavoro in Consiglio comunale di Cordova (metà di loro nella trincea dell’opposizione), cinque come sindaco della città E uno da sindaco con la maggioranza assoluta. Lui 28 maggio 2023, Solo un anno fa, il leader è riuscito due traguardi per Partito Popolare In Cordova: rifondare il governo in Capitolares e realizzarlo cucendo a maggioranza assoluta incontestabileinappellabile, qualcosa che è scivolato tra le dita dei suoi compagni di base José Antonio Nieto nel 2015 (Rafael Merino ha governato due volte, nel 1995 e nel 1999, ma nessuna delle due con il potere assoluto).

Quel giorno di 28M, con Discreti postumi di una sbornia che non hanno influito sull’astensione (quasi 1,8 punti in meno rispetto alle elezioni precedenti), 70.000 cordobani hanno dato il loro sostegno al consigliere popolare (46,2% dei voti) in una proporzione simile a quella delle altre maggioranze storiche della capitale cordobana: quella di Giulio Anguita, la democrazia era quasi nuova nel 1983; e quella di José Antonio Nieto, nel 2011. Entrambi i consiglieri hanno ottenuto il sostegno di oltre 80.000 elettori in una città che ha ha zigzagato questi 45 anni di democrazia tra destra e sinistrae che aveva fatto scalpore nel 1979 diventando il primo capoluogo di provincia della Spagna governata dal Partito Comunista.

Dopo un mandato movimentato con Ciudadanos

Bellido ha conquistato i 28 milioni anche se è arrivato la sera delle elezioni dopo superare un mandato difficile in coalizione con Cittadini (2019-2023), che era pieno di ostacoli. Tuttavia, guardando le cifre, l’elettorato ha attribuito tutti questi errori al partito arancioneche ha perso 5 dei 5 consiglieri che aveva, trascinata anche dalla scomposizione della formazione a livello nazionale. Gli elettori, infatti, non hanno assolto solo quelli popolari, ma anche Hanno premiato la sua gestione alla guida del Comune di Córdoba con altri 6 consiglieri di quelli raggiunti nel 2019. Il sindaco ha saputo anche approfittare della disgregazione del partito di Albert Rivera includendo nella sua lista e nella sua dirigenza alcuni dei suoi rappresentanti a Córdoba (Isabel Albas O Antonio Álvarez), e allo stesso tempo ha strizzato l’occhio al suo elettorato più di destra salvando un ex membro di Vox come Giuliano Urbano.

Con 15 consiglieri

Dopo la vittoria elettorale, Bellido ha ricevuto sostegno sufficiente per affrontare altri quattro anni di governo con una squadra di 15 consiglieri, che non avrebbe nemmeno bisogno del sostegno simbolico di Vox come era invece accaduto nel suo precedente mandato. Nel 2023, il partito di Paolo Badanelli Aspirava ad essere la chiave del governo, ma rimase con miele sulle labbra e sul banco dell’opposizione (ha vinto però un consigliere rispetto al 2023 e ne ha 3 attualmente).

I consiglieri eletti del PP di Córdoba festeggiano la vittoria alle elezioni municipali, un anno fa.

La sinistra, molto commossa

Così, in una seduta plenaria con 18 consiglieri assegnati alla destra, a sinistra, se non affondata, almeno molto toccatache nella notte del 28 marzo aveva solo 11 consiglieri: 7 del PSOEdi un condottiero ritornato ai Capitolares, Antonio Hurtado, che ha perso uno degli 8 ottenuti dall’ex sindaco Isabel Ambrosio; E 4 di Facciamo Cordobail marchio con cui è andata alle urne la confluenza della sinistra e che non è riuscito a trattenere i 5 consiglieri vinti da IU e Podemos nel 2019, lasciandoli con 4.

Un gioco di specchi

Come in un gioco di specchi, José María Bellido segue le orme del presidente andaluso e leader del PP-A, Juanma Moreno, con il quale si confonde per il suo profilo di politico popolare moderato. Ci sono riusciti entrambi liberarsi astutamente dalle catene imposte loro dai loro partner governativi del suo primo mandato a governare da solo con la gioia che regalano le maggioranze assolute. Entrambi sembrano avere davanti a sé un chiaro orizzonte politico che si materializzerà al ritmo stabilito dai capricci della politica e dalle loro stesse ambizioni. Nel caso di Cordoba, per il momento, limitato al comune nonostante ciò Nell’ultimo anno non ha fatto altro che aggiungere litri. In ottobre aggiunge al suo curriculum politico la presidenza della Federazione Andalusa dei Comuni e delle Province, sostenuto dai suoi compagni dopo la conferma elettorale che l’Andalusia sta cavalcando, anche a livello comunale, l’onda del cambiamento promosso da Juanma Moreno .

A 46 anni, il sindaco di Córdoba raggiunge la maturità politica con due decenni di esperienza; gli stessi che rimarranno (e non strettamente in quest’ordine) da qui al pensionamento se gli elettori, il suo partito e lui stesso lo vorranno. Oggi, per ora, festeggia un anno di maggioranza assoluta.

#Colombia

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Ecco come appare l’interno della USS George Washington, una delle più grandi portaerei nucleari del mondo