Promuovono una legge che vieta la trazione sanguigna nella provincia di Corrientes

Promuovono una legge che vieta la trazione sanguigna nella provincia di Corrientes
Promuovono una legge che vieta la trazione sanguigna nella provincia di Corrientes

Il deputato provinciale, rappresentante di Cittadini Impegnati (Cico), Ariel Báez, ha presentato alla Camera un disegno di legge che vieta la trazione sanguigna in tutta la provincia.
L’iniziativa mira a sostituire i veicoli a sangue con veicoli alimentati da energia umana, prodotti da studenti di istituti tecnici e imprenditori locali e acquistati dallo Stato.
Presentando l’iniziativa, il deputato del Cico ha sottolineato che essa risponde ad una richiesta di lunga data di vari settori della società che sostengono il rispetto e la tutela dei diritti degli animali, in particolare dei cavalli, e ha sottolineato che, inoltre, si propone di tutelare i diritti di bambini e adolescenti costretti a lavorare in condizioni che mettono a rischio la loro salute e integrità fisica.
Allo stesso modo, Báez ha sottolineato l’urgenza di affrontare diverse situazioni come gli incidenti stradali causati dalla circolazione errata delle auto sulle strade pubbliche, l’abuso di animali e la precarietà del lavoro di coloro che utilizzano questi mezzi per lavorare. “Ogni giorno assistiamo a cavalli malnutriti, disidratati e sottoposti a carichi pesanti, il che è inaccettabile”, ha affermato.

VIOLENZA CONTRO ANIMALI E BAMBINI

Il progetto sottolinea l’importanza di proteggere i bambini dalle situazioni violente e insiste sul fatto che l’esposizione agli abusi sugli animali può avere gravi conseguenze sul loro sviluppo. “Un bambino esposto alla violenza ha un’alta probabilità di diventare un adulto violento, non solo con gli animali ma anche con altre persone”, ha aggiunto il legislatore.

PROGRAMMA DI SOSTITUZIONE

Il progetto propone la creazione di un Programma di sostituzione dei veicoli Blood Drive con veicoli alimentati da energia umana, con l’obiettivo di offrire un’alternativa lavorativa, economica, inclusiva, sicura e sostenibile. Sarà attuato dall’autorità determinata dal Potere Esecutivo, propone Báez.
Il deputato sottolinea che la sostituzione dei veicoli a trazione sanguigna non solo migliorerà la situazione degli animali e dei lavoratori, ma contribuirà anche alla sicurezza stradale e allo sviluppo sostenibile. Allo stesso modo, sottolinea che consentirà di formare i lavoratori nella selezione e nella raccolta dei rifiuti, promuovendo un sistema di riciclaggio più efficiente e riducendo la proliferazione delle discariche a cielo aperto.

soggetti senzienti

Il deputato Báez ha sottolineato che, in una sentenza storica, la Corte Suprema di Giustizia di Entre Ríos del 2018 ha ritenuto che gli animali siano soggetti di diritti.
“Gli animali sono soggetti di diritti senzienti non umani che come tali hanno delle prerogative nella loro condizione di fauna protetta da salvaguardare in virtù della biodiversità e dell’equilibrio naturale delle specie, e soprattutto di quello della natura selvaggia”, ha affermato Báez. Rimarcando, a sua volta: “Come tali, devono essere oggetto di conservazione e protezione contro sofferenze, maltrattamenti e crudeltà ingiustificate”.
«Si vedono spesso automobili guidate da bambini di tutte le età, intere famiglie dedite al collezionismo, il che implica la violazione dei diritti fondamentali dei bambini e degli adolescenti, sanciti dalla Costituzione nazionale, dai Trattati internazionali e dalla legislazione attuale», aggiunge, sottolineando che “i diritti umani come la salute, l’istruzione, la libertà e l’integrità sono colpiti da questi problemi”.

Sviluppo sostenibile

Il legislatore, allo stesso tempo, ha osservato con i suoi colleghi che un altro degli assi su cui poggia la legge è la questione ambientale. “Per avanzare verso l’obiettivo fissato dallo sviluppo sostenibile, l’interazione di tre pilastri è essenziale: popolazione, economia e ambiente, poiché è cruciale nel sistema di riciclaggio e di classificazione dei rifiuti”, ha indicato, rilevando che di fronte a questa realtà ” Esiste la possibilità di formare questi lavoratori affinché diventino anelli fondamentali nella selezione dei rifiuti e nella successiva raccolta per la lavorazione industriale; oltre agli innumerevoli programmi di formazione professionale che vengono offerti nei Comuni, siano essi nazionali o provinciali.
«Attualmente, non essendo consapevoli del trattamento e della selezione dei rifiuti, molti lavoratori effettuano il trasferimento in luoghi non idonei o abilitati al deposito dei rifiuti, talvolta nelle proprie abitazioni, talvolta in spazi aperti, dando luogo a discariche a cielo aperto, che diventano fonti di infezione e li gettano persino nei fiumi e nei torrenti vicini”, ha avvertito.

.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Allerta meteo per Neuquén e Río Negro: quali sono le raccomandazioni per il ciclone in Cile
NEXT Sandra Pettovello ha eletto Lucas Fernández Aparicio nuovo Capo di Gabinetto