Ulteriori lavori di decompressione dei flussi veicolari

Ulteriori lavori di decompressione dei flussi veicolari
Ulteriori lavori di decompressione dei flussi veicolari

I lavori di chiusura della tangenziale della Capitale e le infrastrutture viarie complementari appaltate le imprese Ingeniero Medina e Moncho Construcciones Hanno iniziato nel luglio 2021. Il loro completamento era inizialmente previsto in due anni, ma la situazione critica del Paese, le difficoltà nel reperimento dei materiali, l’inflazione e le opere aggiuntive che sono state incorporate hanno successivamente allungato i termini di esecuzione. In questi giorni, presso gli uffici tecnici della Direzione Autostradale di Salta, Si stima che tutti i lavori previsti dal pacchetto complementare per la chiusura della tangenziale potrebbero essere completati in cinque o sei mesi.

Una delle opere aggiunte all’iniziativa privata è il collegamento stradale che si sta realizzando con un prolungamento di 1,4 chilometri per collegare l’Avenida Libertador nel quartiere di Gran Bourg con la Tangenziale Ovest presso la rotatoria situata vicino alla proprietà del Club Gimnasia e Tire. Il nuovo collegamento è progettato con una doppia corsia larga 7 metri per lato, una banchina centrale, illuminazione con tecnologia LED e marciapiedi larghi due metri su entrambi i lati. Questo collegamento diretto decomprimerebbe buona parte dei flussi veicolari che attualmente vengono incanalati da e verso il centro civico Grand Bourg attraverso la diramazione del distributore del San Pablo College che collega la strada provinciale 28 con l’Avenida Savio.

Preoccupano anche la rotatoria e il letto del fiume che le è quasi adiacente.

Un’altra opera incorporata è il nuovo viale che si sta costruendo nella zona nord per collegare la tangenziale nord-ovest con la Città Giudiziaria, il quartiere di El Huaico e altri insediamenti circostanti, dietro il Parco del Bicentenario. Il collegamento stradale che collega l’Avenida Memoria, Verdad y Justicia e la rotatoria che l’autostrada abilitata il 15 febbraio ha localizzato nei pressi della Scuola Uzzi, aggiungerebbe un altro collegamento alternativo a quello già offerto dallo svincolo di El Huaico con il suo collegamento dall’Avenida Bolivia alla tangenziale nord-ovest.

Una crepa e una buca che suscitano denunce alla rotonda dell’Universitarios.

A questi lavori aggiuntivi si aggiunge il ramo che per un certo periodo è stato utilizzato come deviazione nell’area del nuovo distributore costruito nelle vicinanze della Scuola San Pablo e che sarà convertito in un collegamento diretto tra Avenida Arenales e il Circonvallazione nordoccidentale.

Regione metropolitana

La chiusura della tangenziale era prevista per dare continuità al sistema autostradale e decomprimere i flussi veicolari delle vie Perón, Savio, Arenales, Bolivia e altri punti nevralgici nelle zone nord e nord-ovest della capitale. Le opere, che per anni attendevano il finanziamento tramite il Fondo Fiduciario Federale per le Infrastrutture Regionali, oggi scomparse tra gli aggiustamenti deliberati dal nuovo governo nazionale, erano già considerate due decenni fa essenziali per dare maggiore fluidità al traffico della nascente regione metropolitana, che Oggi effettua più di 1,2 milioni di viaggi giornalieri tra La Caldera, Vaqueros, Campo Quijano, Rosario de Lerma, Cerrillos, La Merced, San Lorenzo e Salta. Da allora, a causa della forte concentrazione di attività e servizi che la capitale presenta, i crescenti flussi della Grande Salta gravano sulla sua obsoleta rete stradale con congestioni veicolari sempre più frequenti e diffuse.

La chiusura della circonvallazione stradale ha avuto gara troncata nel 2019

Nel giugno 2019, nell’ultimo periodo del governo di Juan Manuel Urtubey, è stato lanciato un bando di gara per i lavori della Tangenziale Nord Ovest con un budget ufficiale di 1.150.000.000 di dollari, equivalente al tasso di cambio libero dell’epoca di 26 milioni di dollari. Il capitolato fu messo in vendita il 14 giugno di quell’anno e l’apertura delle offerte fu fissata per il 19 luglio, ma l’iter finì sospeso. Quel bando prevedeva il finanziamento del progetto – che all’epoca comprendeva già l’autostrada di 5 chilometri, la nuova rotatoria scolastica di San Pablo e la ripavimentazione della Route 28 – attraverso il Fondo fiduciario federale per le infrastrutture regionali, ma nel percorso Urtubey fece la decisione di sospenderlo e lasciare le definizioni al prossimo governo.

Nel 2020, l’Unione Temporanea d’Impresa (UTE), composta da le imprese di costruzione Ingeniero Medina e Vicente Moncho, ha proposto alla nuova direzione provinciale di eseguire il pacchetto di lavori tramite iniziativa privata. Tale presentazione davanti all’Ufficio Notarile dello Stato ha dato luogo ad una gara pubblica che è stata infine aggiudicata alle predette imprese edili. L’UTE si offrì di pagare i lavori, allora quotati in contanti per 4.049.508.921 dollari, e di finanziarli alla Provincia. Quel valore, i tassi e le spese di rimborso previsti nel 2020, anno che in Argentina si è chiuso con un’inflazione annua del 36,1%, non sono altro che dati aneddotici in un Paese dove la variazione inflazionistica interannuale, misurata lo scorso aprile, è stata del 289,4%. .

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV La commissione ha debuttato con posizioni chiare tra i settori e si prevede un dibattito arduo
NEXT Amazon Web Services trasformerà la Terra del Fuoco in un’isola “intelligente”.