Le basse temperature avrebbero effetti positivi sui raccolti di San Juan

Le basse temperature avrebbero effetti positivi sui raccolti di San Juan
Le basse temperature avrebbero effetti positivi sui raccolti di San Juan

Le basse temperature sono qui per restare in provincia. Le gelate precoci, lungi dall’essere una preoccupazione per i produttori di San Juan, sono di buon auspicio. Il Ministero della Produzione, Innovazione e Lavoro ha spiegato il motivo.

DIARIO DI HUARPE ha parlato con Fernando Sánchez Montanari, direttore dello Sviluppo Agricolo del dipartimento, che ha commentato: “Le prime gelate adesso sono benefiche. Siamo già all’inizio dell’inverno, anche se la stagione più fredda dell’anno non è ancora iniziata secondo la data di calendario, arriverà presto e le piante non avranno problemi ad adattarsi”.

“Queste temperature sono utili per combattere i parassiti, come le cocciniglie, gli afidi o le malattie delle colture che vengono rallentate a causa del clima”, ha affermato Sánchez Montanari.

“Finora non c’è nulla di negativo, l’unica cosa sarebbe un raccolto autunnale che ha prodotto qualche tipo di zucchina, perché questa stagione è stata benevola e ora il brusco cambiamento delle temperature potrebbe averla influenzata”, ha aggiunto il funzionario.

In ogni caso, la data stimata per le prime gelate nella provincia negli ultimi 30 anni è in media il 20 maggio, quindi queste temperature erano completamente previste.

Rapporto del Consiglio della Viticoltura

Dal Tavolo della Viticoltura è uscita una relazione in cui si fa riferimento a come le basse temperature influiscono sulla vite. In questo senso la scritta indica che durante l’inverno la vite entra in uno stato di riposo o dormienza, periodo di inattività essenziale per il suo ciclo vitale. Questo riposo invernale è indotto e mantenuto dalle basse temperature. Il freddo permette alla pianta di conservare energie e risorse, proteggendosi dallo stress causato dalle basse temperature e dalle condizioni avverse. Ed è fondamentale per la vite per diversi motivi:

  • Conservazione dell’energia
  • Protezione contro parassiti e malattie
  • Preparazione per la crescita
  • Vernalizzazione

L’accumulo delle ore di raffreddamento è un parametro essenziale per i viticoltori. Questo quantifica il tempo che la vite trascorre a basse temperature, generalmente inferiori a 10°C. Le viti hanno esigenze di freddo diverse e conoscerle è fondamentale per selezionare le varietà adatte a una regione specifica e gestire i vigneti in modo ottimale.

Comprendere l’importanza del freddo e come gestirlo è essenziale per la viticoltura moderna. Con le sfide poste dai cambiamenti climatici, l’adattamento e l’innovazione nella gestione dei vigneti saranno fondamentali per mantenere e migliorare la qualità della produzione.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV USA, Colombia e Corea del Sud, rivali dell’Under 17 al Mondiale
NEXT “La nuova strada nel settore Unimagdalena diventerà realtà”: il sindaco Pinedo