Per Rogelio Mallea, chi avrà la dirigenza guiderà il PJ a San Juan

Per Rogelio Mallea, chi avrà la dirigenza guiderà il PJ a San Juan
Per Rogelio Mallea, chi avrà la dirigenza guiderà il PJ a San Juan

Avere una gestione da mostrare, questa è la chiave per Rogelio Mallea, leader peronista di San Juan, che prevarrà nel riarmo del PJ per quello che verrà. Ecco perché per il leader i futuri vertici del partito saranno nelle mani dei sindaci. Mallea ha anche sottolineato la leadership a livello nazionale e ha affermato che “la politica argentina non sa ancora come incastrare Milei”.

Mallea ha affermato al Politics Café che “i leader con leadership a San Juan sono fondamentalmente i sindaci o ex sindaci. Tenendo conto di ciò ci sono Cristian Andino e Fabián Gramajo con comprovate capacità manageriali che li esaltano, sulla stessa linea c’è Juan Carlos Quiroga Moyano”.

Per il leader peronista, lo stesso gruppo comprende altri leader che hanno anche la gestione, ma che la stanno portando avanti attualmente. Per questo ha indicato “Carlos Munisaga e Romina Rosas” come parte della linea di leader che governerà il futuro del partito. Ciò che è chiaro è che saranno loro a farsi carico del futuro del partito, poiché oggi si ricercano queste caratteristiche, ha indicato nel programma che va in onda dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 11, su Huarpe TV e che viene trasmesso il 19.2 di TDA, YouTube, Twitch e Kick.

Il leader ha indicato che “questo è in linea con la leadership nazionale che si osserva e che ha un Kiciloff, Llaryora o anche Massa; “Che gli viene riconosciuto il talento di saper gestire i propri momenti e per questo oggi sono loro i tre leader del PJ che viene dopo la sconfitta elettorale.”

Rogelio Mallea si è impegnato a livello nazionale, in particolare nell’opposizione, e ha sottolineato che “oggi la politica argentina non può entrare a Milei, questa è la realtà”. Il riferimento peronista metteva in luce che “oggi il PJ nazionale è diventato lo spazio politico più coerente e direi anche che, con prudenza, comunica al governo nazionale che voterà contro la Legge sulle Basi, contando sul mandato dei suoi elettori che Voglio che lo facciano i legislatori”.

Il leader peronista, nonché deputato del partito a San Juan, ha sottolineato che il “futuro” del PJ, a livello provinciale e nazionale, è sostenuto da dirigenti che dimostrino una gestione.

Chi è stato il governatore migliore: Uñac o Gioja?

Nei giorni scorsi si è sollevata la dicotomia tra chi fosse il miglior governatore peronista, Sergio Uñac o José Luis Gioja. Per Rogelio Mallea la risposta è chiara e ha indicato Gioja come il miglior sovrano per “aver attraversato circostanze molto complesse dopo il governo dell’Alleanza a San Juan”.

Malle ha precisato che “per me è stato migliore il governatore José Luis Gioja perché ha attraversato circostanze complesse dopo essere uscito da un governo dell’Alleanza, comprese le dimissioni dei governatori, e in questo contesto ha approfittato della spinta nazionale e ha cambiato provincia”.

Mallea ha anche fatto riferimento agli sforzi di Uñac come massimo leader e ha affermato che “anche lui ha dovuto ballare con una cosa brutta come avere un governo nazionale di un colore politico diverso, come Macri, e affrontare una pandemia nell’ultima amministrazione, e che sapeva come superare “.

Testuale

Rogelio Mallea al Caffè della Politica. Immagine: cattura.

Rogelio Mallea / Deputato del PJ di San Juan

“I leader con leadership a San Juan sono i sindaci o gli ex sindaci”.

“Oggi la politica argentina non può entrare a Milei e questa è la realtà che esiste”.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Famosi musicisti cubani canteranno al Festival estivo di Cienfuegos
NEXT Chi è responsabile della tragedia avvenuta al Rich club di SLP?