Gloria a te – Escambray

Questa città è ricca di valori culturali, storici e patrimoniali tali da suscitare l’impegno di molti dei suoi figli attorno al programma per il 510° anniversario della fondazione della città.

Sancti Spíritus è una delle città coloniali meglio conservate di Cuba.

Al di là dell’incertezza della fondazione e nonostante quanto sia macchinosa l’indagine storica sulla nascita dei primi sette paesi, quella che può essere una grande verità è che la nascita di un insediamento come il paese di Espíritu Santo non è avvenuta all’improvviso, come se gli spagnoli avevano piantato la croce nel luogo prescelto senza ulteriori precauzioni.

Sancti Spíritus è ricco di valori culturali, storici e patrimoniali tali da suscitare l’impegno di molti dei suoi figli attorno al programma del 510° anniversario della fondazione della città.

Collegare tutti gli attori politici, economici e sociali per raggiungere una sinergia attorno alla celebrazione non è un compito di un giorno.

In mezzo ad uno scenario complicato, molto lontano dalle risorse e dalle circostanze delle celebrazioni di oltre un decennio fa, e al di là delle grandi celebrazioni anniversarie con maggiore sfarzo, nei giorni del compleanno la gente di Sancti Spiritus avrà spazi per godere di ciò che La città e le sue istituzioni offrono, come pomeriggi di poesia, proposte dedicate ai bambini e altre attività sul portale della Casa di Cultura Osvaldo Mursulí. Alla Casa della Trova Miguel Companioni, poesia e trova tradizionale si fonderanno, mentre il viale ospiterà proposte di arti performative. Allo stesso modo avrà luogo la celebrazione della XXXVIII edizione dello Spiritus Culture Colloquium.

Bárbara Mínguez Amézaga, presidente dell’ente governativo locale, sottolinea che le celebrazioni del nuovo anniversario sono il pretesto perfetto per onorare i 110 anni del Coro Sancti Spíritus Clave, unico esponente del suo genere a Cuba, nato a seguito di un corale popolare di lunga tradizione che proliferava nella città, e che fioriva anche all’Avana e a Matanzas nei primi decenni del XX secolo.

Foto: Alien Fernández/ Escambray

Allo stesso modo, diventa la cornice migliore per onorare gli 80 anni del Trío Miraflores e i 30 anni del Trío de Gómez, gruppi musicali emblematici della terra di Yayabo.

La nostalgia per la buona musica autoctona di Sancti Spiritus verrà esaudita durante un Gala Culturale la notte del 3 giugno, con la partecipazione di validi artisti del patio che renderanno pubblico il meglio della cultura di Sancti Spiritus.

In questa occasione si tratta di interagire con tutto il pubblico e in ogni area dei Consigli Popolari della città. Ecco perché ci sono molti motivi per celebrare, non a caso, la tradizionale Sessione Solenne dell’Assemblea Municipale del Potere Popolare nel Centro Storico della città, nel Parco Serafín Sánchez, ma perché la sua storia risale al XVII secolo , quando venne istituito come zona l’eremo di Veracruz nel 1690 e accanto ad esso venne fondato, nel 1716, il Convento di San Francisco, retto dall’ordine monastico più grande d’America a quel tempo e ancora oggi circondato da imponenti e storici edifici della del XIX secolo e continua ad essere il centro ricreativo, culturale e commerciale per eccellenza della città di Sancti Spíritus.

Insomma, ci sono molte scuse per lodare una delle città coloniali meglio conservate di Cuba e l’unica del Paese con un nome latino; culla di trovatori, scrittori, pittori e personaggi illustri, patrioti e personaggi popolari che hanno trasceso il tempo e una città che, come il centro storico, ha dimostrato di saper resistere allo scorrere del tempo e che canterà in questi giorni il nuovo inno di los yayaberos, scritto dal musicista di Sancti Spiritus Juan Kemel Barrera: Santilé 510.

Nell’attesa della data c’è stato anche il trucco per eliminare le rughe con azioni costruttive, manutentive, riparatrici e pittoriche, che, pur non portando l’etichetta di grandi opere, hanno un impatto benefico sociale e contribuiscono a preservare un patrimonio ineguagliabile poiché, come dice il Dott. Alicia García, esperta di patrimonio architettonico, ha affermato che a Sancti Spíritus è frequente costruire il nuovo sopra l’antico, il che offre un ricco profilo di epoche sovrapposte che ne fanno la più medievale delle nostre città primitive.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Questa è l’emozione che si vive durante la carovana di benvenuto dell’Atlético Bucaramanga
NEXT L’Unione Elettrica prevede un impatto di 326 MW durante il picco notturno