Il Papa ha rivelato quando potrà concretizzarsi il suo ritorno in Argentina

Il Papa ha rivelato quando potrà concretizzarsi il suo ritorno in Argentina
Il Papa ha rivelato quando potrà concretizzarsi il suo ritorno in Argentina

La possibilità è rimasta latente per molto tempo ma il suo complicato stato di salute l’ha messa nei puntini di sospensione. Ma ieri, per la prima volta da quando è diventato Sommo Pontefice, papa Francesco ha commentato che i suoi progetti sono di recarsi in Argentina alla fine di novembre o all’inizio del prossimo anno. È la prima volta che Jorge Mario Bergoglio fissa date più precise per il suo ritorno nella terra dove è nato.

Lo si evince dalla risposta che ha dato ai tre ragazzi delle parrocchie di Villa Lugano e Mataderos che sono andati a trovarlo in Vaticano. “Quando verrai in Argentina?”, gli hanno chiesto con interesse, secondo l’Agenzia cattolica argentina di informazione (AICA).

«Vorrei andarci alla fine di novembre o all’inizio del prossimo anno», ha risposto il Papa ai ragazzi, che sono andati a incontrarlo presso la Santa Sede insieme alle loro mamme, in compagnia del sacerdote Ivan Dornelles, segretario esecutivo della il Vicariato dei Bambini dell’arcidiocesi di Buenos Aires.

Lo scorso febbraio il Papa ha ricevuto a Roma il presidente Javier Milei, che ha approfittato dell’occasione per rivolgere un invito al Paese, impegnandosi a riceverlo con gli onori di capo di Stato.

Durante la visita delle famiglie argentine alla Santa Sede, il Papa ha ricevuto in dono una copia del libro del giornalista e scrittore Ceferino Reato su padre Carlos Mugica.

In un altro ordine, Francisco chiese le dimissioni dell’arcivescovo di La Plata, monsignor Gabriel Mestre, notizia che generò un forte shock nell’episcopato argentino. La Plata è la terza giurisdizione ecclesiastica più importante del paese dopo Buenos Aires e Córdoba.

A 55 anni, Mestre è stato costretto a presentare le dimissioni, accettate ieri dal Sommo Pontefice.

Mestre era stato proclamato il 28 luglio 2023 dallo stesso Papa Francesco arcivescovo in sostituzione dell’attuale cardinale Víctor Manuel “Tucho” Fernández, che aveva portato a Roma a presiedere il Dicastero per la Dottrina della Fede.

È durato appena un anno in carica ora che è stato spostato per ragioni sconosciute. Normalmente le sostituzioni avvengono per raggiungimento del limite di età di 75 anni, per malattia, morte o per promozione a grado superiore, ma con il Mestre nulla di tutto ciò è avvenuto.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Ministero della Difesa canadese: la visita a Cuba con la propria nave “era una missione militare”
NEXT I giacimenti di EPM ad Antioquia raggiungono quasi il 38%