Mercedes de Córdoba ballerà il suo impegnato ballo di flamenco ‘Sì, voglio’ al Teatros del Canal

Mercedes de Córdoba ballerà il suo impegnato ballo di flamenco ‘Sì, voglio’ al Teatros del Canal
Mercedes de Córdoba ballerà il suo impegnato ballo di flamenco ‘Sì, voglio’ al Teatros del Canal

Mercedes de Córdoba ballerà il suo impegnato ballo di flamenco ‘Sì, voglio’ al Teatros del CanalCORDOVA

Lo spettacolo impegnato di ballo di flamenco Si lo voglio, dalla compagnia del ballerino e coreografo Mercedes de Cordoba, arriverà il 29 maggio al Teatros del Canal, dopo essere passato per Londra e aver esaurito i biglietti per diversi giorni prima della sua presentazione al Festival del Flamenco presso il prestigioso Sadler’s Wells Theatre.

Espressione di amore e impegno per l’arte e la cultura, questa creazione del ballerino e coreografo presentato in anteprima al Festival di Jerez 2022dove ha vinto il Breakthrough Artist Award per la ballerina Águeda Saavedra e il Guitar with Soul Award per il chitarrista Juan Campallo, oltre al premio per la migliore composizione musicale del concorso.

Considerato una delle ballerine di flamenco più potenti e autentiche della sua generazione, Mercedes de Córdoba è nota per il suo talento naturale, la sua versatilità e la capacità di trasmettere emozioni con forza.

Come evidenziato dall’organizzazione in un comunicato, premettendo che la danza è “un’urgenza organica” e un luogo “dove convivono cura, passione, speranza e follia”, In si lo voglio L’artista suggella un duplice impegno in cui esplora le emozioni che fluttuano attorno all’arte e all’amore e invita il pubblico a celebrare la vita.

Circondata dal canto, dalla chitarra, dalle percussioni e dal battito delle mani dei musicisti che l’accompagnano, e da un gruppo di ballo di quattro ballerini che le fanno da specchio, Mercedes de Córdoba proporre un viaggio in cui i tradizionali rituali delle cerimonie nuziali Servono come metafora per condividere i sentimenti più primari.

Ballerino precoce

Mercedes de Córdoba era una ballerina precoce che Da bambina ha girato i principali palcoscenici di tutto il mondo. e oggi è diventato uno dei nomi essenziali del flamenco e della danza.

Dopo aver ricevuto il Premio Nazionale di Flamenco nel 2013 nella sua città natale, Inizia una promettente carriera con la propria compagnia con spettacoli COME Senza ulteriori indugi, l’Essere Né con me né senza di me, con il quale ha ottenuto un grande successo di critica e pubblico durante la sua permanenza al Festival di Jerez, alla Biennale di Flamenco di Siviglia e al Festival di Flamenco di Madrid, e la sua creazione più recente, Si lo voglio.

A prova della sua inquietudine e maturità creativa, la donna di Córdoba Si distingue anche nel suo ruolo di coreografa e direttrice artistica. spettacoli come Cámara Abierto, di Paula Comitre, da lei diretto con David Coria e che ha vinto il premio come miglior spettacolo al Festival di Jerez; ‘Con-migo’, Premio Desplante al Festival La Unión; ‘Non saremo più’, di Ángel Rojas; ‘Sangre’, di Rafael e Juan Campallo, e ‘Nati per morire’, di Adela Campallo.

Oltretutto, Ha coreografato per Eva Yerbabuena un pezzo tratto dalla sua opera ‘Just like you’, è la prima volta che la granatina viene messa nelle mani di un coreografo; In questo caso, del resto, lei era una sua allieva e all’inizio faceva parte del suo corpo di ballo.

Nel 2024, oltre ad essere in tournée con i suoi spettacoli, è nel processo creativo del suo nuovo lavoro, dimenticato, dedicato a Quelli senza cappello. La prima mostra di questo progetto, dedicata all’artista Marga Gil Roësset, è stata esposta all’ultimo Festival di Jerez. La prima assoluta di Dimenticato Si svolgerà a settembre alla Biennale di Siviglia.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV [►] Figueroa: “Noi Neuquén dobbiamo essere competitivi”
NEXT “Non sono morto”: la lezione di resilienza della cantante Celine Dion