Il Congresso ha approvato il disegno di legge

Il Congresso ha approvato il disegno di legge
Il Congresso ha approvato il disegno di legge

Nelle ultime ore, il senatore Miguel Uribe ha annunciato: tramite il tuo conto X che emette la fattura, che chiede di riattivare i giorni senza IVAè stato approvato nell’ultimo dibattito al Senato.

Secondo quanto affermato da Uribe, questa iniziativa, che andrà in conciliazione, “Aiuterà la ripresa del commercio e dell’industria, settori duramente colpiti da questo terribile governo”.

Inoltre, ha sottolineato che si tratta di un progetto che promette di alleviare le tasche dei colombiani, che in definitiva serve all’economia familiare dell’intero Paese.

Stando così le cose, esiste “la possibilità che questo, o qualsiasi altro governo, possa mettere da 1 a 3 giorni senza IVA, 2 giorni in più nelle zone di frontiera, e che sarà essenziale per generare Benessere Sociale”.

Leggi qui:

Allo stesso modo, ha colto l’occasione per ricordare i giorni passati senza IVA in cui milioni di colombiani potevano accedere a determinati beni che altrimenti non avrebbero potuto acquistare.grazie alla riduzione del prezzo.

“Ma questa è anche l’opportunità per stimolare il commercio, l’industria, i settori ad alta intensità di manodopera in un momento in cui L’economia si sta contraendo ed è stagnante, questa è un’ancora di salvezza per il settore produttivo“Ha aggiunto.

Infine, ha annunciato che è possibile includere la produzione nazionale, “in modo tale che tutti i colombiani, del commercio, dell’industria e della società in generalebeneficio grazie a tutti i senatori e rappresentanti che hanno contribuito all’approvazione di questo progetto fondamentale nel momento che stiamo vivendo, una buona notizia per le famiglie colombiane”.


#Colombia

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Partecipazione accademica al futuro del litio e delle saline ad Antofagasta « Notizie UCN aggiornate – Universidad Católica del Norte
NEXT Hanno smantellato una banda di narcotrafficanti comandata da una prigione del Chaco