Cuba ricorda il leader del sindacato operaio Lázaro Peña

Cuba ricorda il leader del sindacato operaio Lázaro Peña
Cuba ricorda il leader del sindacato operaio Lázaro Peña

Nacque povero, all’Avana, il 29 maggio e come ogni bambino aveva un sogno: fare il violinista, cosa che non riuscì a realizzare; Ebbene, essendo figlio di una diraspatrice di tabacco e orfano di padre, dovette lavorare fin da giovanissimo.

Cercando dati biografici su Peña emergono numerosi aneddoti e riferimenti di chi lo conobbe, che mettono in luce la serietà di quel giovane membro attivo del Partito Comunista clandestino fin dall’età di 18 anni e che partecipò alle attività sindacali, dipingendo slogan antimperialisti e distribuzione di manifesti.

Successivamente fu il leader maturo che unì i lavoratori cubani nelle loro lotte e, dopo un periodo attraverso le organizzazioni sindacali e sindacali, assunse la direzione della Confederazione dei Lavoratori Cubani, fondata il 28 gennaio 1939.

Nel 1973 assunse la direzione del Dipartimento delle Organizzazioni di Massa del Comitato Centrale del Partito Comunista di Cuba.

Il prestigio, la solidità del lavoro e il contributo di questo notevole leader sindacale hanno superato i confini della nazione caraibica, da qui il suo contributo alla fondazione della Confederazione dei Lavoratori Latinoamericani e della Federazione Mondiale dei Sindacati.

Per quanto riguarda la sua capacità di mobilitare le masse in modo semplice e naturale, autorità, onestà e acutezza politica, il leader e politico Blas Roca ha raccontato una volta di aver iniziato numerose assemblee con tutti contro di lui e quando ha finito è stato acclamato da tutti.

Un altro suo contemporaneo, l’intellettuale Juan Marinello, parlava del sorprendente contrappunto tra fermezza e comprensione, slancio e sorriso.

Senza compromessi nell’applicazione dei principi, ha sottolineato, Lázaro è stato un’espressione esatta e culminante del nostro genio popolare.

Il Poeta Nazionale Nicolás Guillén ha sottolineato anche il senso fine, delicato, veramente cortese che aveva il leader sindacale nel presiedere un dibattito, chiarire un concetto andando alla radice, senza urtare le suscettibilità, che gli permetteva di dirigere la discussione con il pugno di ferro. sotto un guanto di seta.

Quasi sempre, quando si parla di Peña, emergono riferimenti al suo ruolo all’interno del movimento sindacale; Tuttavia la sua difesa dei lavoratori abbracciava tutti i settori, compresi musicisti e cantanti.

La sua compagna di vita Tania Castellanos ha messo in luce la sua sensibilità, il modo in cui combinava il sociale e il politico con l’estetico, l’economico e l’artistico, e come gli artisti filin gli chiedessero una guida politica per i loro testi.

Chi li ha conosciuti ricorda, tra i loro insegnamenti, l’importanza che davano alla contrattazione collettiva come meccanismo per migliorare le condizioni di lavoro, il miglioramento dei leader sindacali e lo scambio con i lavoratori.

npg/ebe

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il FMI ha avvertito che i rischi restano elevati in Argentina
NEXT Ecco come appare l’interno della USS George Washington, una delle più grandi portaerei nucleari del mondo