Entre Ríos era presente alla riunione del Tavolo Permanente di Sicurezza della Regione Centrale – El Heraldo

Entre Ríos era presente alla riunione del Tavolo Permanente di Sicurezza della Regione Centrale – El Heraldo
Entre Ríos era presente alla riunione del Tavolo Permanente di Sicurezza della Regione Centrale – El Heraldo

Nell’incontro, svoltosi a Córdoba, le autorità hanno firmato un accordo che stabilisce azioni congiunte in materia di sicurezza, come sessioni di formazione per il personale di polizia e la creazione di strumenti per condividere e scambiare informazioni, tra le altre cose.
Nell’occasione il Ministro Roncaglia ha affermato che “abbiamo questa grande sfida che è la sicurezza, una domanda sociale molto importante che le tre Province devono progettare e articolare insieme”.
In questo senso, ha sottolineato la presenza alla riunione del Consiglio dei tre capi della polizia provinciale e ha ritenuto che “il segreto sta nel lavorare insieme come fronte unito”.
I verbali firmati delineano le priorità dell’Agenda Sicurezza 2024, che stabilisce quattro ambiti di lavoro congiunto tra le tre province della Regione Centro. Questi sono:
– Realizzare sessioni di formazione congiunte per il personale di polizia sull’intelligence criminale e l’armonizzazione curriculare delle Scuole Ufficiali e Sottufficiali delle tre forze.

– Contribuire alla sistematizzazione e all’integrazione dei dati del sistema delle impronte digitali, dei veicoli con richieste di rapimento, mandati di arresto e altri elementi, per fornire maggiore efficienza nella risoluzione dei crimini.

– Costituzione di unità di lavoro delle sedi dipartimentali confinanti con le province della Regione.

– Centro di integrazione informativa nella lotta allo spaccio di droga e alle organizzazioni criminali.

In questo contesto, Llaryora ha sostenuto che “quello che facciamo oggi è andare oltre i limiti provinciali per creare un tavolo di lavoro permanente che permetta alla polizia provinciale e al sistema giudiziario di avere uno scambio di informazioni più fluido nella lotta contro la criminalità organizzata. Questo è lo strumento che oggi nella Regione Centro stiamo creando e che potrebbe cominciare ad essere imitato da altre giurisdizioni”.

Da parte sua, il governatore di Santa Fe Maximiliano Pullaro, che detiene la presidenza pro tempore della Regione Centro, ha sottolineato: “Siamo convinti che lavorare insieme ci consentirà di costruire politiche pubbliche stabili e a lungo termine, con controlli, intelligence e criminalità indagine.
”L’unico modo per andare avanti è lavorare insieme. Le sfide che abbiamo davanti sono immense e richiedono livelli più elevati di pace e sicurezza. Ma lo faremo insieme”.

Altri temi
Nell’ambito del Tavolo Permanente sulla Sicurezza della Regione Centro, creato nel febbraio di quest’anno, si sono svolte presentazioni in commissioni composte da autorità e gruppi di sicurezza su diversi temi, con particolare attenzione alla lotta alla criminalità e, in particolare, , la lotta alla criminalità organizzata.
In questa occasione sono state discusse le questioni relative alla sicurezza negli eventi sportivi; Formazione degli agenti di polizia; Strategia di polizia predittiva; Analisi dell’intelligence criminale; e criminalità informatica.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il recital di Paul McCartney al Kempes, possibile complicazione per Talleres e Belgrano?
NEXT La Rioja rifiuta categoricamente il finanziamento singolare alla Catalogna