I consiglieri chiedono che il comune di La Serena non venga utilizzato per favorire le candidature – Elquiglobal

I consiglieri chiedono che il comune di La Serena non venga utilizzato per favorire le candidature – Elquiglobal
I consiglieri chiedono che il comune di La Serena non venga utilizzato per favorire le candidature – Elquiglobal

Rayen Pojomovsky e Daniela Molina, in una seduta del consiglio comunale, hanno messo in dubbio l’operato dell’attuale amministrazione, che cercherebbe di favorire il suo candidato alle primarie del 9 giugno.

Martedì, in una seduta, i consiglieri Daniela Molina e Rayen Pojomovsky hanno reso pubbliche diverse denunce di irregolarità all’interno del comune e che mirano a favorire un candidato particolare, nel quadro delle elezioni primarie che si terranno il 9 giugno.

Questo perché, come precisa Daniela Molina, ci sono funzionari che hanno espresso il loro disappunto per essersi lasciati convincere a sostenere il candidato Velasco, sostenuto dallo stesso sindaco.

“Non si può permettere che queste pressioni vengano esercitate sui funzionari che fanno il loro lavoro, che è quello per cui sono pagati e non fanno campagna elettorale, confina con l’etico, ma anche con il legale, potremmo essere di fronte a un reato di violazione di probità”, precisa il consigliere.
Per il rappresentante di Acción Humanista, è immorale dire ai lavoratori che devono sostenere l’ex direttore della Corporazione, “se non vogliono rimanere senza lavoro, e invitare anche le loro famiglie il giorno della primarie da votare, ed è anche una cosa molto grave che gli elementi destinati all’assistenza sociale da parte di un ufficio particolare che raggiunge le persone che ne hanno più bisogno, non fornirebbero questi elementi proprio per destinarli a mantenere gli attivisti nome di un candidato e questo è assolutamente inappropriato.

Nel frattempo, il consigliere e candidato alle primarie ufficiali, Rayen Pojomovsky, ha contestato un incontro che si è svolto con decine di donne, dove erano disponibili autobus per raggiungere un luogo dove erano presenti almeno 7 funzionari comunali, insieme al sindaco, invitando a votare a favore. Velasco.

“Abbiamo scoperto la situazione di questa attività giovedì perché alcuni leader ci hanno inviato alcune immagini dell’attività stessa della campagna, alcuni funzionari municipali sono stati visti e riconosciuti, quindi attira la nostra attenzione il fatto che ciò viene svolto secondo il programma di lavoro, indipendentemente da se avessero o meno i permessi amministrativi, è qualcosa per cui chiederemo che queste informazioni ci siano inviate, soprattutto quando la comunità stessa mette sempre a nudo la poca risorsa umana che c’è per risolvere i problemi dei vicini e dei vicini.”

Caso Mauricio Ibacache

Pojomovsky ha sottolineato anche la situazione di un altro candidato al municipio, come Mauricio Ibacache, recentemente licenziato dalla Corporazione Gabriel González Videla, dopo le pressioni degli stessi consiglieri. “È necessario rendere visibile questo tipo di pratica e impedire che accada. A questo funzionario è stato dato lo stipendio perché non ha rispettato i compiti che gli erano stati affidati, e credo che sia una pratica che è stata portata avanti durante questa amministrazione e non è possibile, poiché sono risorse di tutti,” ha aggiunto , sostenendo che è delicato che ciò avvenga “con risorse del Ministero dell’Istruzione, oggi tanto messe in discussione dallo stesso Ufficio di Controllo, per cui credo che sia necessario anche che venga effettuato il rimborso del denaro che è stato versato a questo funzionario. soprattutto quando non ha fatto il lavoro,”

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il piano B di Caputo per recuperare le risorse che gli sono state tolte al Senato
NEXT Una delle più grandi società di vendita di biciclette in Cile supera il fallimento e si riorganizza