La Marina argentina inizierà un’esercitazione navale congiunta con una portaerei nucleare statunitense

La Marina argentina inizierà un’esercitazione navale congiunta con una portaerei nucleare statunitense
La Marina argentina inizierà un’esercitazione navale congiunta con una portaerei nucleare statunitense

Sette navi della Marina argentina inizieranno oggi un’esercitazione navale congiunta con la portaerei nucleare degli Stati Uniti “George Washington” nelle acque situate a sud della provincia di Buenos Aires.

L’imponente nave nordamericana è arrivata accompagnata da due scorte per prendere parte all’esercitazione “Gringo-Gaucho II”, che mira a migliorare le capacità navali dell’Argentina e promuovere la cosiddetta “interoperabilità” con altre forze.

Tra le attività centrali vi sono il trasferimento di autorità e personale sulla portaerei tramite elicotteri MH-60S Seahawk dagli Stati Uniti ed elicotteri UH-3H Sea King dall’Argentina, nonché il collegamento e controllo delle comunicazioni; evoluzioni e formazioni tattiche; Operazioni di volo; esercitazioni antiaeree e antisommergibili; trasferimento del carico tra navi tramite guide; ed efficaci pratiche Cross Deck.

Prima dell’arrivo della nave, l’ambasciatore statunitense a Buenos Aires, Marc Stanley, ha sottolineato la partecipazione della portaerei George Washington all’esercitazione congiunta.

“Porteremo la USS George Washington, una delle portaerei più prestigiose degli Stati Uniti, a visitare le acque costiere della Repubblica argentina nell’ambito della missione Mari del Sud 2024, che è composta da una flotta che effettua operazioni con forze marittime di altri paesi”, ha detto il diplomatico in un video pubblicato sui social network.

E ha aggiunto: “Questa missione rafforza il partenariato e favorisce la comprensione reciproca con la Marina argentina”.

Stanley ha sottolineato che a bordo della portaerei si trova “un team internazionale composto da marinai provenienti da dodici paesi, tra cui Argentina, Brasile, Canada, Cile, Colombia, Ecuador e Paesi Bassi, tra gli altri”.

L’esercitazione navale congiunta segna l'”impegno” degli Stati Uniti “per la sicurezza e la cooperazione regionale”, ha affermato il diplomatico.

“Questa visita è importante per la pace e la stabilità e costruirà relazioni più forti tra i nostri paesi”, ha concluso.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Lo cercarono e lo trovarono. Sarebbe legato a un furto a Bucaramanga – CorrillosR
NEXT Llaryora disposto a negoziare il governo con Schiaretti per candidarsi contro Milei