Le Isole Canarie e Cuba, due isole unite per sempre

Con il bellissimo slogan: ‘Onorare la Giornata delle Isole Canarie’ voglio iniziare questo lavoro evidenziando le proposte organizzate nelle due Isole Canarie e Cuba, gemellate da sempre. Le istituzioni isolane hanno organizzato diversi eventi, prima e dopo il grande giorno.

I direttori offrono fiori alla madre dell’apostolo José Martí Pérez

Jameos del Agua ha ospitato l’evento istituzionale del Cabildo, dal nome “Lanzarote, terra del mare”, creato e diretto dal famoso regista teatrale e televisivo Quino Falero. Oltretutto, Ad Arrecife, Los Sabandeños si sono esibiti nel Parco José Ramírez Cerdá, dove i presenti hanno goduto di apprezzate degustazioni di vini e formaggi. A Yaiza si sono goduti spettacoli e cast folcloristici.

Per la sua parte, Il Comune ha incoraggiato i cittadini a godersi la produzione teatrale ‘Loca Historia Maha’, la prima opera teatrale che racconta la storia dei primi coloni di Lanzarote e la conquista dell’Isola.. Ad Haría, il grande giorno si sono svolte mostre di sport canari, laboratori e giochi tradizionali. Comunque, tutte le isole hanno celebrato la Giornata delle Canarie.

A chilometri di distanza nella Cuba di oggi, nonostante i rimpianti, i pochi nativi delle Canarie e tanti discendenti con estremo amore per le Isole Canarie celebrati con diversi eventi tra cui offerte floreali dove riposano i resti della madre del più universale dei cubani, l’apostolo dell’indipendenza cubana José Martí Pérez, la canaria, Leonor Pérez Cabrera.

Attrice e regista delle Canarie che presenta un documentario sui canarini a Cuba

Da parte sua, il Centro Ispano-Americano dell’Avana, ex Palacio de las Cariatides, insieme al Gruppo di Rianimazione dell’Associazione delle Canarie di Cuba, con a capo Juan José Cabral, hanno presentato il documentario intitolato ‘Ritorno’ dell’attrice e regista Blanca Rosa Blanco, che ha espresso e cito: “In questo documentario ho voluto onorare il salvataggio della memoria dei canari emigrati nella più grande delle Antille, Cuba… sono storie di coloro che emigrarono da quell’amata regione della Spagna a la meravigliosa isola dei Caraibi”. In senso generale, era un pretesto per far conoscere il dolore delle famiglie, e affinché queste si sentissero identificate con tutti quegli eventi”, fine citazione.

Non posso terminare quest’opera senza menzionare coloro che da allora furono anima, cuore e vita la fondazione dell’Associazione delle Canarie di Cuba ‘Leonor Pérez Cabrera’ e non si sono fermati ma con amore hanno fondato filiali fuori dalla capitale di tutti i cubani senza eccezione.

Pepe Rodríguez, direttore delle Canarie del programma ‘Aires de España’ della radio cubana

Come non ricordare e onorare il canario Carmelo González e altri come: Antonio Rivero, vicepresidente, attivista culturale Armando Carzola; José Rodríguez, direttore del programma radicale ‘Aires de España’; Remigio Valdés, ultimo vicepresidente e tanti altri che hanno dedicato tempo e amore agli anziani, creando un ospedale diurno, instillando nei giovani la conoscenza del folklore delle Canarie, creando una bellissima Rondalla, gruppi di ballo, un club di lettura, nonché attività di ballo ogni Domenica .

Auguro con tutto il cuore che riescano a tornare nella loro sede in via Monserrate della capitale, dove precedentemente sventolava la bandiera tricolore delle Isole Canarie.

I canarini e i loro discendenti meritano di tornare ai loro giorni di gloria.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Arrestano un membro del Treno Aragua che era libero dopo aver pagato la cauzione a Los Vilos
NEXT La peña Raíz Folklorica arriva nel quartiere di Villa Florencia