Il Comune rileva il servizio idrico del quartiere Patricios e migliorerà il servizio per 1.092 famiglie

Il Comune rileva il servizio idrico del quartiere Patricios e migliorerà il servizio per 1.092 famiglie
Il Comune rileva il servizio idrico del quartiere Patricios e migliorerà il servizio per 1.092 famiglie
  • La cooperativa di quartiere concessionaria ha chiesto la risoluzione anticipata del contratto.
  • Sono previsti lavori per aumentare la pressione e il flusso, una richiesta storica da parte dei vicini.

Il Comune di Córdoba, attraverso la Segreteria per lo Sviluppo Urbano, ha rilevato il servizio di acqua potabile a Patricios, che dal 2003 era fornito dalla cooperativa di quartiere.

Nella zona nord-orientale della città, le tubature erano antiquate e la loro integrità era in pericolo, per questo motivo la pressione e la portata dell’acqua fornita ai residenti era bassa: una denuncia che va avanti da molti anni da parte di utenti del settore.

Il Comune ha assunto il fermo impegno di ricevere provvisoriamente le infrastrutture e realizzare le opere necessarie per ottimizzare la qualità della vita delle 1.092 famiglie residenti.

Negli ultimi mesi, il comune ha portato avanti azioni e lavori di manutenzione per alleviare il degrado delle infrastrutture di Patricios.

Il servizio, prima fornito dalla cooperativa di quartiere e ora rilevato dallo Stato locale, viene svolto in 37 blocchi. La rete si estende per 14.400 metri lineari.

Alla firma del servizio hanno partecipato il segretario dello Sviluppo Urbano, Diego Peralta; Governo, Ispezione e Controllo, Rodrigo Fernández; Rafforzamento del vicinato e sport; Ettore “Pichi” Campana; e il presidente della cooperativa di quartiere Patricios, Rubén Hidalgo.

Erano presenti anche rappresentanti dell’ERSEP e del Centro di vicinato; il direttore del PCC, Augusto Cuello; vicini e vicini.

#Argentina

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Chi è Carlos Fernández, consigliere di Verónica Magario assassinato in un’aggressione a Boedo
NEXT A Cuba si registrano più di 500 casi di traffico di armi e droga