SAG e Frutas de Chile incontrano le autorità fitosanitarie di Giappone e Corea per prepararsi alla prossima stagione di esportazione di frutta e alle nuove aperture di mercato

Delegazione nazionale con autorità e funzionari del MAFF del Giappone

Per preparare la prossima stagione di esportazione di frutta 2024-2025 e per favorire l’ingresso di nuova frutta cilena, dalla settimana scorsa il Servizio Agricolo e Zootecnico (SAG) e Frutas de Chile hanno organizzato una serie di incontri con le autorità fitosanitarie del Giappone e della Corea. Agenda che, da questa settimana, coinvolge anche la Cina.

La delegazione è guidata dal direttore nazionale della SAG, José Guajardo, insieme ai professionisti di questo servizio Marco Muñoz, capo della Divisione Agricoltura-Forestale e Protezione delle sementi e Esteban Canales, capo del Dipartimento di Sicurezza e Certificazione del Bestiame, in oltre a Rodrigo Castañón, direttore commerciale di ChileCarne e Rafael Lecaros, direttore generale di Faenacar e il direttore generale di Frutas de Chile, Miguel Canala-Echeverría. Hanno partecipato anche gli ambasciatori cileni in Giappone e Corea del Sud, Ricardo Rojas e Mathias Francke, nonché l’addetto agricolo e commerciale del nostro Paese in Giappone, Nury Disegni Gili e José Miguel Sepúlveda, addetto agricolo del Cile in Corea. da sud.

La prima tappa è stata il Giappone, dove la delegazione ha incontrato le autorità e i professionisti tecnici del Ministero dell’Agricoltura, delle Foreste e della Pesca (MAFF), con i quali ha analizzato, in particolare, l’avanzamento del processo di ingresso delle mele cilene e il mercato misure da applicare per le esportazioni per la prossima stagione a fronte di alcune epidemie di mosca della frutta, nonché ePhytos, tra le altre questioni.

Visita al porto di Kobe in Giappone

“La delegazione ha fatto il suo lavoro in Giappone. È stato un lavoro molto interessante nella capitale e nel porto di Kobe, dove abbiamo potuto vedere il processo di importazione di frutta e anche di carne, potendo verificare il buon livello dei nostri produttori, esportatori e anche il nostro servizio nell’invio prodotti di qualità. . Siamo stati accolti molto bene anche dagli importatori di frutta e carne”, ha affermato il direttore nazionale della SAG, José Guajardo.

Guajardo ha aggiunto: “siamo anche riusciti a fare progressi con le autorità del Ministero dell’Agricoltura del Giappone per quanto riguarda i requisiti fitosanitari per l’ingresso delle nostre mele fresche, nonché i requisiti per tutta la nostra frutta che entra in Giappone da aree regolate dalle mosche”. del frutto. Abbiamo ottimi rapporti con il Giappone e il nostro impegno è quello di continuare ad esportare prodotti di ottima qualità per la sua popolazione”.

Da parte sua, Miguel Canala-Echeverría, ha dichiarato: “Prima di tutto, ringraziamo SAG per essersi unito a noi in questa visita in Asia, dove partecipiamo come controparte tecnica del settore privato agli incontri tenuti con le autorità fitosanitarie del Giappone e Corea del Sud, paesi che abbiamo visitato la scorsa settimana e da questa settimana saremo in Cina a fare lo stesso con le autorità doganali. L’obiettivo chiave è preparare le migliori condizioni per una buona stagione di esportazione di frutta dal Cile 2024-2025 con Giappone e Corea, ma anche vedere lo stato di avanzamento della situazione per l’ingresso di nuovi frutti in questi mercati”.

Il direttore della Frutas de Chile ha sottolineato che un punto speciale dell’incontro con il MAFF è stato legato all’approvazione delle procedure che consentiranno di effettuare la prossima stagione spedizioni di frutta, alcune delle quali corrispondono ad aree di produzione con quarantena di mosche . Una piaga che per il Giappone significa l’esclusione delle esportazioni di frutta prodotta nel raggio di 7,2 chilometri stabilito dal punto di rilevamento dell’epidemia.

“È stato chiesto alle autorità del MAFF di poter attuare il trattamento a freddo in transito per tutta la nostra frutta autorizzata a entrare nel mercato e prodotta all’interno dell’area regolamentata di 7,2 km. Risposta che verrà analizzata dall’entità giapponese, una volta ricevuta la proposta di procedura SAG a questo riguardo”, ha sottolineato il frutticoltore professionista.

Allo stesso modo, durante l’incontro, il Giappone ha riferito che sta facendo progressi nell’implementazione di un sistema di e-Phytos o certificati fitosanitari elettronici e che una volta completato questo processo inviterà i paesi ad aderire all’iniziativa.

Va notato che il gruppo ha avuto anche un incontro con l’ambasciatore cileno in Giappone, Ricardo Rojas, e la sua équipe presso la sede diplomatica cilena in quel paese, e dove hanno discusso – in termini generali – delle attività nel quadro del Expo Osaka 2024 e l’importanza della presenza dei prodotti alimentari cileni al suo interno. Inoltre, sono state affrontate le questioni che si stanno portando avanti con il MAFF, con l’obiettivo di considerarle e promuoverle nelle prossime visite delle autorità cilene in Giappone.

Corea del Sud

A metà della scorsa settimana, il gruppo è atterrato in Corea del Sud per incontrare i rappresentanti della Korea Animal and Plant Quarantine Agency (APQA).

“In Corea abbiamo avuto un incontro con APQA e il porto di Incheon, dove ci hanno mostrato l’intero processo di ispezione dei prodotti vegetali. Abbiamo potuto vedere l’intera metodologia che stanno implementando e siamo rimasti molto soddisfatti del processo che stanno portando avanti. Abbiamo avuto anche incontri con le autorità, dove abbiamo potuto affrontare questioni di interesse per entrambe le parti, che nel caso di SAG sono i progressi nella progettazione del piano di mitigazione dei parassiti per le nostre susine e anche tutto ciò che ha a che fare con la quarantena trattamenti del freddo in transito per la frutta cilena inviata a questo mercato”, ha affermato Marco Muñoz della SAG.

Delegazione cilena in incontro con le autorità e il team tecnico dell’APQA della Corea del Sud

Nello stesso senso, il direttore generale di Frutas de Chile, oltre a celebrare i progressi nelle tappe del processo di apertura di nuovi frutti in questo mercato, ha indicato: “In Corea abbiamo terminato la tappa 4 di un totale di 8 che comporta la Processo di apertura coreano. Ora passiamo alla fase 5, che comprende una visita degli esperti dell’APQA in Cile, dopo che saranno state concordate le misure di mitigazione dei parassiti”, ha assicurato.

È importante ricordare che il 27 febbraio 2024 la Corea ha approvato il trasporto via mare e aereo di ciliegie fresche cilene attraverso gli Stati Uniti, e ora si prevedono progressi nell’approvazione da parte della Corea di altri Paesi per questa via di trasporto. Allo stesso modo, durante questo incontro sono stati fatti progressi nell’implementazione di E-phyto tra Cile e Corea del Sud.

“Dal 1° gennaio di quest’anno fino al 1° luglio 2024, stiamo implementando un programma pilota di certificati fitosanitari elettronici con la Corea, che finora ha funzionato molto bene. Pertanto, si ritiene che una volta terminato il progetto pilota, il sistema potrà essere implementato normalmente”.

Da segnalare che la delegazione nazionale ha avuto un incontro con l’ambasciatore cileno in Corea del Sud, Mathias Francke, con il quale ha analizzato l’evoluzione delle conversazioni per l’aggiornamento dell’ALS, il funzionamento del Comitato Bilaterale d’Affari Cile-Corea di Sofofa e le questioni pendenti con APQA.

Delegazione cilena con l’Ambasciatore cileno in Corea e l’addetto agricolo del nostro Paese in quella nazione asiatica

Esportazioni

Secondo i dati dell’Exportada de Frutas de Chile, durante la stagione 2023-2024, il nostro Paese ha inviato in Giappone più di 32mila tonnellate di frutta fresca. Di questo volume, il 51% era costituito da limoni, il 42% da uva da tavola e il 6% da kiwi.

In Giappone vengono inviati anche mirtilli, ciliegie, clementine e mandarini, così come avocado, melograni, salsapariglia, anone e baby kiwi.

Nel caso della Corea del Sud, durante la scorsa stagione il Cile ha inviato più di 33mila ton di frutta fresca. Di questa quantità, il 51% era costituito da uva da tavola, il 20% da ciliegie, il 16% da limoni, il 10% da mirtilli e il 2% da avocado, tra gli altri frutti. Anche il Cile invia arance e kiwi a questo mercato.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV scopri i dati scioccanti rivelati da un rapporto dell’UCA
NEXT I cubani che emigrano perderanno le loro proprietà dopo la nuova legge sull’immigrazione?