L’UNGRD “sembra essere stata saccheggiata da politici di tutti i colori”: Carrillo

L’UNGRD “sembra essere stata saccheggiata da politici di tutti i colori”: Carrillo
L’UNGRD “sembra essere stata saccheggiata da politici di tutti i colori”: Carrillo
Clicca qui per ascoltare la notizia.

Il direttore dell’Unità Nazionale per la Gestione del Rischio di Catastrofi (UNGRD), Carlos Carrillo, è presente martedì davanti alla Procura Generale per fornire elementi nel mezzo delle indagini che si stanno svolgendo a causa dello scandalo di corruzione che coinvolge quell’entità.

Potrebbe interessarti: Caso Ungrd: questo martedì testimonia in Procura Luis Eduardo López, chi è e perché è stato convocato?

Carrillo è stato convocato dal Procuratore 79 della Direzione specializzata contro la corruzione e ha annunciato che la sua intenzione è quella di collaborare alle indagini e fornire tutte le informazioni necessarie per chiarire i fatti e identificare i responsabili.

A questo proposito, il funzionario ha precisato che l’Unità metterà a disposizione della Procura tutta l’informazione di cui dispone l’ente sugli appalti aggiudicati, presumibilmente, in modo irregolare durante la gestione di Olmedo López e delle amministrazioni precedenti.

In una dichiarazione ai media, Carlos Carrillo ha affermato che “più che portare prove, ciò che porto è l’intenzione di aprire le porte dell’ente alla Procura affinché possa agire”.

D’altra parte, ha detto del rapporto del Comptroller – che ha rivelato che negli ultimi quattro anni ci sono state irregolarità per 5 miliardi di dollari – che “è molto grave”, perché “dimostra che la corruzione non è iniziata con Olmedo López, ma piuttosto che va avanti da molto tempo”.

“È un dato molto preoccupante, soprattutto nella questione che ha a che fare con la gestione della pandemia, dove sono state investite risorse gigantesche in questa entità per far fronte a questa emergenza”.

“Il presidente ha detto di aver commesso un errore e penso che sia importante riconoscere l’errore e iniziare a fare ammenda”, ha aggiunto.

Infine, il direttore dell’UNGRD ha riferito di aver chiesto alla Procura “di riconoscerci come vittime in questi processi, perché questi signori forse cercano un inizio di opportunità, ma l’Unità continua ad essere vittima delle loro azioni criminali, quindi è necessario “che si tenga conto della versione dell’Unità quando si pensa a questi principi di opportunità”.

Per ulteriori notizie su politica, pace, salute, giustizia e attualità, visita la sezione Colombia di EL COLOMBIANO.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Figueroa e la costruzione del fronte di Neuquinidad: “Apriamo le braccia”
NEXT Rinnovabili: l’energia eolica ha incrementato la produzione verde del 17% quest’anno