Uno studente di terza media ha avviato una campagna di solidarietà per aiutare i bambini malati di cancro

Uno studente di terza media ha avviato una campagna di solidarietà per aiutare i bambini malati di cancro
Uno studente di terza media ha avviato una campagna di solidarietà per aiutare i bambini malati di cancro

Quello che è successo?

Gabriele Fernandezuno studente di terza media della scuola Carlos Cousiño di Valparaíso, ha avviato una campagna di solidarietà per aiutare ragazzi e ragazze malati di cancro, dopo che il suo amico è morto di leucemia.

L’iniziativa consiste nel collezionare coperchi in plastica per contenitori per bevande, al fine di raccogliere fondi per finanziare trattamenti chemioterapici per ragazzi e ragazze affetti da cancro. E il fatto è che circa 3mila capsule equivalgono a una seduta di chemioterapia.

Vai alla nota successiva

Dopo aver affrontato la perdita del suo amico Alessandromorto due anni fa a causa della leucemia, Gabriel e sua madre hanno iniziato a informarsi sulla campagna di raccolta dei berretti, che hanno attuato nella loro scuola.

Nello stabilimento sono già riusciti a raccogliere tappi sufficienti a finanziare sette sedute di chemioterapia. Tuttavia, Gabriel ha voluto andare oltre ed è andato al Ospedale Carlos Van Buren della città, dove ha incontrato il direttore del locale per ampliare la sua campagna di solidarietà.

L’ULTIMO

“Sta dando un esempio di gentilezza”

Accompagnato da uno dei suoi insegnanti e da sua madre, funzionaria dell’ospedale, Gabriel ha incontrato il direttore del centro di cura, Dott. David Gutiérrez Tanabeper presentare l’iniziativa.

Gabriele Fernandez

Il direttore della struttura ha apprezzato la campagna del giovane e ora verranno installati dei container in diversi settori dell’ospedale per incoraggiare le persone a partecipare a questa nobile causa.

Una volta raccolti, i tappi verranno consegnati al Museo Navale, da dove verranno trasportati all’Ospedale Calvo Mackenna attraverso i volontari delle Ladies of Coffee.

“Ha chiesto a sua madre come poteva aiutare affinché non morissero più bambini per questo motivo, e così ha scoperto che raccogliendo migliaia di coperchi di plastica dai contenitori delle bevande avrebbe potuto somministrare una cura chemioterapica. E lo sta già facendo e “Ci sta dando un esempio di gentilezza, di servizio, di umanità”.ha sottolineato il direttore dell’ospedale.

Riguardo alla campagna da lui condotta, lo studente ha affermato che “vorrei che la gente collaborasse affinché tanti ragazzi e ragazze possano essere salvati e avere qualche possibilità, nel caso in cui la famiglia non disponga delle risorse necessarie, di poter pagare la chemioterapia. “

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV DAL VIVO | Il camion del trattore ribaltato sulla Carrera 68 con il Primo Maggio compromette la mobilità a Bogotá
NEXT Johnny Rockets aprirà la sua nuova filiale a San Luis Potosí