La Corte Costituzionale si è scontrata con l’idea di convocare un’Assemblea Costituente attraverso l’accordo di pace con le FARC

La Corte Costituzionale ha resistito alla folle proposta di convocare un’Assemblea Costituente attraverso l’accordo di pace con le FARC. L’ex procuratore Eduardo Montealegre ha spiegato che, come parte dell’accordo di costituzionalità di quanto concordato con la guerriglia estinta, prevalgono l’ordine interno e le norme giuridiche, ma ha inoltre chiarito che con questo strumento lo Stato colombiano può anche convocare un accordo nazionale.

Su questa idea dell’Assemblea Costituente, più volte promossa dallo stesso presidente Petro, ha reagito il presidente della Corte Costituzionale, il giudice José Fernando Reyes, che ha reagito per la prima volta dalla Convenzione bancaria Asobancaria, a Cartagena . a questa iniziativa che diversi settori filo-governativi hanno promosso.

Sessione della Corte Costituzionale di La Guajira | Foto: Sessione della Corte Costituzionale di La Guajira

Ciò che però ha spiegato l’ex procuratore Montealegre è che la parola “accordo nazionale” equivale alla convocazione di un’assemblea costituente nazionale, ma ha anche chiarito che, se tale iniziativa venisse attuata, dovrà necessariamente essere sottoposta al vaglio della Corte Costituzionale. .

Il presidente Gustavo Petro | Foto: Presidenza della Repubblica

Pochi giorni fa, il capo di Stato della Casa di Nariño ha nuovamente aperto la possibilità di una rielezione del suo governo del cosiddetto cambiamento, e lo ha addirittura sostenuto, nel corso di un incontro con i rappresentanti diplomatici residenti in Colombia , che non ha rifiutato la possibilità che la fruizione venga data attraverso un’Assemblea Costituente.

Sono stati rieletti, quelli che mi criticano sono stati rieletti, io non voglio essere rieletto, né credo che una costituente sia ancora lo strumento adatto, ma non nego questa possibilità in futuro, perché il potere costituente deve esprimersi, proprio come quando i liberali e i conservatori fecero la pace, per poter fare la pace oggi”, ha detto il presidente.

Secondo Murillo, “come ha recentemente espresso Presidente Gustavo Petro, al Consiglio di Sicurezza non verrà chiesto – né è stato richiesto – di appoggiare un’assemblea costituente colombiana. “Vogliamo focalizzare l’attenzione sul vero scopo di questa discussione: superare gli ostacoli che impediscono la corretta attuazione dell’Accordo di pace del 2016.”

Riguardo a questa possibilità, il giudice José Fernando Reyes lo ha affrontato, avvertendo che non avrebbe commentato la questione di cui si discute quotidianamente in ambito politico. Motivo per cui ha preferito tacere di fronte alla proposta che ha generato polemiche di ogni genere.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Attenzione Boyacá Community Action Boards, a settembre scade il termine per l’aggiornamento degli statuti
NEXT Mar Urbano: incontro di espressioni artistiche a Córdoba